I giovani d’oggi: dalla reazione all’azione

Il progredire inarrestabile della scienza, anziché proiettarci in una dimensione esistenziale più possibilista e determinista, ci ha orientati in modo del tutto inconsapevole, in una dimensione d’imprevedibilità, d’impotenza e negatività.  La capacità di desiderare un futuro migliore, presente nelle generazioni passate,  oggi, nei giovani, ha lasciato il passo, ad un clima  fatto di instabilità e d’incertezza.

Ed è proprio in questo contesto  socio-culturale,  in cui bisogna essere sempre in movimento, in cui punti di riferimento esterni, assumono un valore sempre più centrale per il mantenimento dell’autostima e del valore personale, che diventa sempre più difficile per il giovane individuare sistemi valoriali più autentici e personali. Inoltre, il giovane, si trova ancor più disorientato, poiché da una parte,  cerca di costruire, con grande sofferenza e difficoltà,  un’identità autonoma, responsabile e svincolata dal mondo della famiglia d’origine, dall’altra si trova a dover fare i conti con una società  che non è più in grado di offrirgli il contesto protettivo e strutturante che questo fase di crescita richiede.

1) Dottoressa sta constatando nella sua professione che sono in aumento nell’ultimo decennio tra i giovani disturbi psicopatologici?

Certamente si. Negli ultimi decenni si è assistito ad un incremento tra i giovani di alcuni disturbi psicopatologici, in particolar modo sono aumentati i disturbi dell’umore, disturbi d’ansia (ansia sociale, attacchi di panico ed agorafobia), disturbi del comportamento alimentare e disturbi di abuso di sostanze.

L’instabilità della società odierna ha inevitabilmente prolungato la fase adolescenziale, amplificando quelle difficoltà, contraddizioni, disagi che un giovane si trova ad affrontare nel periodo più critico della sua esistenza. Difficoltà, che sono elicitate, anche, dal confronto quotidiano con le aspettative lavorative ed affettive, che appaiono all’orizzonte dell’adolescente sempre più distanti ed irraggiungibili.  In questo clima d’incertezza, spesso, il giovane si sente senza punti di riferimento, non avendo ancora del tutto sviluppato un’identità personale sufficientemente solida ed autonoma. Ed è proprio in questa fase che si possono manifestare alcuni dei disagi psicopatologici sopra menzionati. 

2) Si parla tanto di depressione oggi, quali sono i primi segnali che un giovane avverte all’inizio?

 I sintomi depressivi tra gli adolescenti sono rappresentati da sentimenti di tristezza, senso di vuoto, umore irritabile, disturbi fisici e lamentele somatiche, sensazioni di essere rallentati (sia nel fisico che mentalmente). Sintomi che spesso determinano problemi nel funzionamento sociale e nelle prestazioni scolastiche.
Le cause  vanno certamente cercate nel contesto esistenziale dell’individuo, e sono spesso legate a eventi che determinano cambiamenti importanti nella vita delle persone, come eventi di perdita, difficoltà sentimentali o di coppia, cambiamenti di status lavorativo, incluse le promozioni per le assunzioni di responsabilità che queste implicano.

Da questo punto di vista è interessante notare come negli ultimi decenni le caratteristiche cliniche della patologia depressiva si sono sempre più spostate dalla tristezza e malinconia alla inibizione dell’azione e alla perdita dell’iniziativa e motivazione, e questo si spiega in un modello di società che è diventato sempre più performante, con continue richieste prestazionali, dove se non riesci a raggiungere determinati standard di funzionamento entra in crisi tutto un sistema di riconoscimento sociale, familiare, lavorativo con conseguente calo dell’autostima, e da li all’insorgenza di un pervasivo sentimento d’inadeguatezza e di una patologia depressiva il passo è breve.

3) Gli psicologi del lavoro nelle attività di assessment spesso riscontrano disagi psicologici in ragazzi che hanno curriculum accademici brillanti e che in fase di selezionano crollano letteralmente sulle soft skill. Perché dottoressa secondo la sua esperienza?

La cultura della ‘performance’ valorizza, oggi, sempre di più giovani ‘intelligenti’e ‘conformanti’,  dimensioni essenziali per costruire un’identità personale efficiente e di valore. In questo modo, però, si escludono, o quanto meno non vengono stimolate, altre dimensioni di sé tra cui la fragilità e la debolezza.
Impedire, quindi, ai giovani di sviluppare e gestire la conflittualità, l’espressione di un proprio punto di vista, le assunzioni di rischio, l’insieme di sperimentazioni tipiche di questa fase evolutiva, può generare in quest’ultimi forti disagi emotivi.
Difficoltà, che malgrado, siano interpretate dai giovani,  come limitazioni personali senza soluzione, possono, invece, essere considerate un’opportunità per comprendere se stessi e per costruire legami più autentici .

4)Il disagio giovanile sta diventando un problema sociale sentito dal mondo della scuola, dal mondo del lavoro e delle istituzioni. Come aiutare i nostri ragazzi in difficoltà?

La sfida nell’immediato futuro di cui saremo tutti responsabili come genitori, insegnanti, formatori,  sarà orientata a sensibilizzare ed educare i giovani a sviluppare quelle competenze comportamentali e relazionali, necessarie, non solo per costruire una identità personale stabile, ma, anche per costruire relazioni più autentiche. Sentirsi in sintonia con se stessi non è sufficiente se non si costruiscono legami profondi. Allo stesso tempo però, costruire legami implica un contatto con noi stessi, con la nostra interiorità.
I giovani hanno bisogno di avvicinarsi a delle passioni, di desiderare, di creare, sentendosi coinvolti in quello che fanno, per emanciparsi e sentirsi finalmente liberi di entrare in scena da protagonisti.

Dr.ssa Paola Uriati

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

Segreti privati

Durante l’esistenza accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui manifestarsi.
Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento.

Leggi Tutto »
Blog

L’uomo che (non) amava le donne

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Leggi Tutto »
Blog

L’ altro come esperienza di Sé: Dusecka

Per Olga centrarsi sull’altro diventa l’unico modo per dare senso alla sua esperienza. E per cercare una definizione di sé.
Una direzione che la protegge anche dal giudizio del mondo. Perché lei è trasparente, è buona, è compassionevole. Una direzione che la posiziona rispetto alle aspettative e ai giudizi sociali dai quali ha sempre timore di essere sopraffatta.

Leggi Tutto »
Blog

Potere e solitudine nella coppia

Ogni relazione è una ricerca di significati da condividere e di con-senso.
La costruzione di significati comuni nasce sempre dal confronto di storie, di significati personali che, in un dato momento si incontrano.
Fino a quando la relazione mantiene la sua caratteristica di reciprocità, in cui il partner viene riconosciuto nella pienezza dei suoi significati personali e nella sua unicità, il potere nella relazione è meno orientato a limitare la libertà dell’altro e sull’altro, mentre coopera alla ricerca dei significati comuni.
Quando, invece, la relazione perde la sua caratteristica di riconoscimento reciproco, maggiore sarà il senso di solitudine. E, in questo caso, il potere sull’altro diventa l’unico modo per riempire quel senso di insicurezza personale e di isolamento.

Leggi Tutto »
Blog

Il tunnel

“in ogni caso, c’era un solo tunnel, buio e solitario: il mio, il tunnel in cui avevo trascorso l’infanzia, la giovinezza, tutta la mia vita.”
Il tunnel, Ernesto Sabato

Leggi Tutto »
Blog

Perdersi per ritrovarsi insieme

Si parla tanto di adolescenti, ma i genitori chi sono? Di cosa hanno bisogno?
Che effetto fa sentire il proprio figlio allontanarsi da sé?
Perché se da un lato l’adolescente cerca di situarsi in un mondo di significati che rispecchi in maniera più autentica i suoi bisogni, dall’altro è inevitabile che il genitore debba fare i conti con un suo riposizionamento non solo personale, ma anche di coppia.
Un riposizionamento, spesso vissuto con un senso di smarrimento e confusione.
E che, invece, potrebbe generare un’opportunità di cambiamento. Vediamo in che modo…

Leggi Tutto »
Blog

Il coraggio di emozionarsi

Confrontarsi con il prossimo significa, anche, entrare in contatto con sé stessi.
Ma, affinché questa esperienza sia motivo di crescita, è necessario accogliere ed accettare la persona che si incontra nella sua diversità.
Solo in quella diversità ci definiamo e ri-troviamo persone libere e responsabili.

Leggi Tutto »
Blog

Quel senso di solitudine

Il SENSO DI SOLITUDINE non è una condizione permanente, ma muta nel corso della vita.
In particolar modo, ciò che muta è la capacità di attribuire senso e significato alla propria esperienza in un rinnovato racconto di sé, in grado di cambiare negli aspetti concreti la vita di una persona.

Leggi Tutto »
Blog

Fuggire da sé

Dare senso alle opportunità che si incontrano e si scelgono quotidianamente. Muoversi con maggiore consapevolezza non ci protegge dall’incertezza e dalle paure della vita, ma contribuisce ad una presa in carico di se stessi e degli altri più autentica e generosa.

Leggi Tutto »
Blog

CASA DI BAMBOLA: l’inautenticità di sé nella coppia

“Quando ero a casa col babbo, egli mi comunicava tutte le sue opinioni, sicchè avevo le medesime opinioni. Ma se qualche volta ero d’opinione diversa, glielo nascondevo, perché ciò non gli sarebbe andato a genio. Mi chiamava la sua bambola e giocava con me come io giocavo con le mie bambole. Poi entrai a casa tua…”  Casa di bambola, Henrik Ibsen

Leggi Tutto »
Blog

Gli innamoramenti

“L’ abitudine può sostituire l’amore, non l’innamoramento…quel che è molto raro è provare una debolezza, una vera debolezza per qualcuno che comunque la produca in noi…che ci renda deboli…che ci impedisca di essere oggettivi e ci disarmi in eterno…”.
“Gli innamoramenti. Javier Marias.”

Leggi Tutto »
Torna su