VENTIQUATTR’ORE AL CASINO’

Passione e Morte alla roulette

 

‘E quella notte fu così piena di lotta e di parole di passione, di collera e di odio, di lacrime scongiuranti e d’ebbrezza, che mi sembrò durare mille anni, e noi due esseri, che aggrovigliati sprofondavamo nell’abisso, furibondo l’uno, innocente l’altra, noi due esseri uscimmo cambiati da questo tumulto mortale, completamente trasformati, con altri sensi, con altri sentimenti.

“Ventiquattr’ore nella vita di una donna” (Stefan Zweig)

 

Costa Azzurra. In un piccolo albergo della riviera le giornate scorrono monotone tra i villeggianti. Ma una sera la quiete viene improvvisamente interrotta da un evento.

La signora Henriette, una non più giovane donna che è lì,  in  vacanza con  marito e figli,  fugge  dall’albergo assieme ad un  ospite. Un giovane francese, simpatico ed  attraente.  Che era arrivato in riviera da un paio di giorni.

Gli ospiti dell’albergo commentano la notizia in modo riprovevole. La maggior parte è convinta che la donna lo conosceva già da tempo. E’ impossibile – pensano – che  in poche ore una donna abbia deciso di lasciare la famiglia per uno sconosciuto.

L’episodio ha lasciato tutti increduli. Fino a quando, una sera, il pettegolezzo assume toni così aspri da rischiare di sfociare in una rissa tra i commensali.

Uno degli ospiti dell’albergo (l’io narrante) è l’unico a dissentire dagli altri.

L’uomo  sostiene ‘che in certe ore della vita, al di fuori della propria volontà e della propria ragione, una donna può cadere sotto il dominio di qualche misteriosa potenza, il voler negare questo fatto, mostra solo paura del proprio istinto, del demonio della nostra natura’… Quelle parole inattese fanno innervosire  alcuni ospiti al punto da accendere i toni della discussione. E’ l’intervento di Mrs C., ad evitare il peggio, e a riportare  la quiete tra i commensali.

Mrs C. è  una distinta signora inglese di 67 anni. Silenziosa e riservata, non partecipa mai alle  conversazioni della tavolata. Ma  quell’episodio aveva portato la donna  ad incuriosirsi di questa  persona che aveva difeso, con forza, la povera Henriette.

La donna era rimasta molto colpita dall’atteggiamento dell’uomo – comprensivo e non giudicante –  per quella debole donna.   Che, in fondo, aveva semplicemente seguito la propria volontà.

E un giorno,  in prossimità della partenza dell’uomo, prese coraggio confidandogli spontaneamente un episodio accadutole molti anni prima.

Episodio che in ventiquattr’ ore le aveva cambiato l’esistenza. La donna non ne aveva mai parlato fino a quel momento con nessuno. E riteneva fosse  giunto il momento di farlo, vista la sensibilità dimostrata dell’interlocutore.

All’epoca dei fatti Mrs C. aveva quarantadue anni.  Era rimasta vedova da circa due anni. I figli erano ormai grandi. E lei si sentiva molto sola.  Aveva trascorso i due anni di vedovanza da nomade, accompagnata solo dal desiderio di morire. Durante il secondo anno di vedovanza capitò a Montecarlo. Trascorreva spesso le serate al casinò ‘A dire il vero, vi andai proprio per cercare di distrarmi da quel vuoto terribile che, come una nausea, sale dall’interno e vuol nutrirsi almeno di piccoli stimoli che vengono dall’esterno.’…’ In momenti d’apatia in cui è negato di sentire il proprio ritmo di vita, l’appassionata irrequietezza altrui ci sostenta ancora, come il teatro o la musica.’

E proprio lì, in quel luogo, iniziarono le ventiquattr’ore che sconvolgeranno, poi,  per molti anni, la sua vita.

Una sera, mentre era al casinò, stanca di osservare quei  volti così inespressivi, ripensò ad una passione del marito: la chiromanzia.  L’uomo sosteneva che al tavolo da gioco  è più interessante osservare  le mani e le  gesta dei giocatori, piuttosto che soffermarsi sui loro volti. I volti si controllano, mentre nella gestualità si insinuano emozioni che serbano, sempre,  sorprese.

La donna,  un po’ annoiata da quella visione innaturale, abbassò lo sguardo sul tavolo della roulette. Ed iniziò a prendere confidenza osservando le mani dei giocatori. Erano mani nervose. Eccitate. Curate. Talvolta con le unghie smaltate e le dita ingioiellate. Spesso umide ed affannate.

A un tratto notò un paio di mani. Erano affusolate, curate, belle.  Ma ciò che la colpì più di ogni cosa fu la passione con cui quelle dita  si contorcevano, si inseguivano con energia. Come ipnotizzata, la donna alzò il volto, incuriosita da quel gesticolare affascinante ed allo stesso tempo sofferente.  E lo vide. Era un giovane uomo, bello e affascinante. Il suo sguardo era solamente concentrato sulla direzione caotica che prendeva  la pallina.

La donna non capiva  da cosa e da chi fosse attratta. L’unica cosa di cui era certa è che non poteva staccargli gli occhi di dosso, neanche per un momento.

Per circa un’ora il giovane  vinse e perse.  Ogni volta che perdeva le sue mani reagivano con atteggiamenti di delusione, rabbia e disperazione. Fino a quando, disperato, perse tutto, anche gli ultimi  spiccioli. Dopo l’ennesima sconfitta, si alzò di scatto. E corse fuori dal casinò.  Barcollava. Era in preda alla disperazione più totale. Mrs C. lo inseguì.  Temeva il peggio avendolo visto fuggire in uno stato di agitazione e prostrazione.

Nelle ventiquattr’ore successive accadde l’inimmaginabile.

Dopo un’ora durante la quale  la donna cercò disperatamente di dissuaderlo dal farsi del male,  si ritrovarono,  quando ormai era notte fonda,  in una modesta pensione ‘io stessa non ho dimenticato un attimo di quella notte, né voglio mai dimenticarla. Perché in quella notte io lottai con un uomo per la sua vita, poiché le ripeto: fu una lotta per la vita e per la morte. Con troppa chiarezza, con ogni fibra sentivo che questo sconosciuto, quest’uomo per metà già perduto, con tutta la passione, con tutta l’avidità di chi è in pericolo di morte, cercava di afferrare l’ultima salvezza! Si attaccava a me come chi sente già l’abisso sotto i piedi. Io però cercavo di salvarlo a ogni costo, con tutte le mie forze.’

Anche Mrs C. si ‘attaccò’ a lui quella notte. Quei momenti trascorsi con il giovane le fecero ritornare, dopo un periodo di buio, la voglia di vivere. Si, la sua vita riprendeva nuovamente  senso. Desiderava salvarlo. E salvarsi.

Seppe, il giorno dopo, mentre pranzavano, che era un  diplomatico. E che  apparteneva ad una famiglia aristocratica polacca. Lui le raccontò che tutto era iniziato  quando suo zio, per festeggiare il suo primo esame, lo aveva invitato alle corse. In quell’occasione lo zio aveva vinto tre volte. E lui era rimasto così entusiasta del fatto che, in pochi minuti, si potesse vincere tanto denaro, da provarci di persona.

Il suo calvario ebbe inizio così.  Non riusciva più a riflettere e a controllarsi.  Non esistevano più sentimenti, relazioni, amori, progetti. Esisteva solo il gioco.

Quella confessione colpì molto la donna.  Il desiderio di salvarlo si era fatto sempre più crescente.  E prevaleva sulle altre sensazioni che quella confessione le aveva elicitato.

Ne era certa: avrebbe salvato il giovane dalla sua dipendenza. Ad ogni costo.

Si  fece promettere che, da quel momento,  avrebbe smesso di giocare. Lo accompagnò alla stazione.  E acquistò per lui un biglietto del treno affinché tornasse al più presto dalla sua famiglia. Il treno sarebbe partito qualche ora più tardi.

Mentre  riposava in albergo, prima di congedarsi definitivamente, Mrs C. realizzò che si faceva sempre più impellente  in lei il desiderio di darsi, ugualmente, una nuova  possibilità.

Avrebbe desiderato fuggire insieme a lui, gettandosi alle spalle tutto, anche ciò che avrebbero pensato gli altri, i figli, la società. Avrebbe dilapidato il suo patrimonio pur di seguirlo.  In pochi minuti decise di  partire.  Preparò in fretta poche valigie.  E corse alla stazione.  Ma arrivò tardi,  il treno  era già partito.

Il giorno seguente Mrs C.  decise di cercare l’uomo nei luoghi che avevano condiviso, per rivivere, ancora una volta, quelle emozioni che l’avevano turbata. Si diresse  verso il casinò, cercò con lo sguardo lo stesso tavolo. Mentre si avvicinava lo vide seduto allo stesso posto,  proprio lui, il giovane diplomatico che aveva cercato di salvare dal demone della roulette la sera prima.

Lui in realtà non era mai partito. In quel momento Mrs C. fu presa da una rabbia irrefrenabile. Si fece avanti ma l’uomo, preso dal gioco, neanche si accorse di lei.  Non vedeva nient’altro che la pallina carambolare nei pertugi della ruota dentata della roulette. A quel punto  si avvicinò  all’uomo e lo afferrò per una spalla. L’uomo, con lo sguardo perso nel bagliore del tappeto verde, la riconobbe. Ma non disse nulla, continuò a giocare, ed anche  questa volta perse tutto.

Mrs C. si sentì lacerare, provò una grande amarezza e disperazione. Per la  promessa non mantenuta ma, soprattutto, perché in quel momento realizzava la follia del desiderio ed della sua fuga fantasticata.

Anni dopo venne a sapere, da un membro dell’ambasciata austriaca, di un giovane, di aristocratica famiglia polacca, morto suicida a Montecarlo. Mrs C. non ebbe alcun fremito.

Mrs C. ed il giovane diplomatico,  si erano incontrati in un casinò della Costa Azzurra. Non si trovavano in quel luogo casualmente.

Entrambi speravano  di  alleviare, davanti ad un tavolo da gioco – l’uno giocando, l’altra passando del tempo- quei sentimenti di noia, di solitudine, e di vuoto che puntualmente, si presentavano  nella loro quotidianità.

Vissuti che,  una sera di maggio si incontrano, si osservano,  si riconoscono, si  rincorrono. Ma sfuggono via ad ogni tentativo di ricerca di intimità. Sfuggono da cosa?

 Mrs C.  è vedova e sola. Fugge da un passato di dolore e solitudine che inizia a starle stretto. Desidera distrarsi, non sentire quella mancanza. Quando incontra il diplomatico all’improvviso si confronta con una nuova sensazione. Avverte come un fulmine a ciel sereno il  desiderio di riprendere a vivere, ad amare.

In quel giovane, Mrs C. vede   la possibilità di rifarsi una vita, non le interessa se condivisa ed appoggiata dai suoi familiari, né se è giusto o sbagliato.  Sente solo che  quella nuova prospettiva la fa sentire felice.  E che le sta offrendo nuovi orizzonti esistenziali e relazionali.

Il giovane invece cerca con tutte le sue forze di aggrapparsi alla vita. Ma il gioco occupa il centro della sua esistenza vuota ed inconsistente, dove lo spazio condiviso con l’altro è assente.

Cerca la relazione. Ma non l’ afferra. Scivola continuamente in contesti in cui l’altro è sempre distante. Non vi è spazio per progetti comuni.

 L’esperienza personale è vissuta nell’immediatezza, e nell’imprevedibilità del quotidiano. Nella ricerca continua di soffocare quei sentimenti, emozioni, responsabilità personali così  dolorosi da guardare.

Ventiquattr’ore in cui la possibilità di incontrarsi naufraga per entrambi. La relazione naufraga. Il senso di una progettualità naufraga.

Quel vuoto originario che  inizialmente li  aveva avvicinati  prende direzioni diverse. E così il loro destino.

 

Dott.ssa Paola Uriati

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

Cadaveri in giardino

Ognuno di noi tende a rimanere chiuso in una sorta di corazza, di cui non si accorge per via della routine, con una prospettiva che ha difficoltà ad andare oltre la staccionata del proprio giardino. Sono pochi i momenti che riescono a penetrarla, a darci un’esperienza di noi diversa, in cui ci si chiede “oh, oh…cosa è accaduto?”
Ed è in questi momenti che emergono significati che pensavamo non ci appartenessero, e ci sorprendono e ci fanno riflettere.

Leggi Tutto »
Blog

Tra solitudine ed autoinganno: una fragile armonia

L’autoinganno ci consente una narrazione che riesce a darci una stabilità, mettendo in ombra gli aspetti problematici o dolorosi della nostra esistenza, e gettando luce solo su quello che ci fa piacere raccontarci, evitando le domande scomode che aprirebbero dolorose incrinature sul nostro senso di stabilità personale.

Leggi Tutto »
Blog

“ IL FIGLIO FANTASMA”

Il figlio ‘fantasma’ rappresenta un figlio ‘diverso’. Un figlio che, secondo i canoni della nostra società, quelle dell’opulenza e del benessere a tutti i costi, rischia sempre di vivere con difficoltà il suo senso di unicità e diversità

Leggi Tutto »
Blog

“Passione semplice”

La passione ci coglie spesso impreparati, sfugge ad ogni ricerca di significato, perché non si spiega, si vive e basta.
La passione non ha tempo e direzioni. Soprattutto la passione nasconde mentre si vive quei significati che l’hanno preceduta.

Leggi Tutto »
Blog

“A chi dirò la mia tristezza?”

Soprattutto in un periodo così pieno d’incertezze, privo di punti di riferimento, è un bene prendersi del tempo per se stessi e per gli altri.
Doniamoci, quindi, ogni giorno, uno spazio per fermarci, per fare spazio alle parole e ai sentimenti dell’altro, anche se a volte sarebbe più comodo evitarli.
Prendiamo il coraggio di cogliere quegli sguardi, e di non temere la paura e la solitudine.

Leggi Tutto »
Blog

STORIA DI UN INIZIO

Soffrire significa crescere, significa darsi delle opportunità.
Dipende anche e forse principalmente da noi cercare delle vie d’uscita da situazioni che sono ormai finite, che non accettiamo più. Per noi stessi e anche per chi ci stà vicino.

Leggi Tutto »
Blog

La bellezza allo specchio

Betty ed Odette, due donne, due percorsi personali diversi, ma che hanno un aspetto in comune: il timore d’invecchiare.
“Invecchiare è doloroso e atroce. Significa lasciare svanire, senza poter fare nulla, la soavità della pelle, la sua grana lattea, vederla macchiarsi, diventare flaccida e cadente; rinunciare agli sguardi che un tempo si posavano su di noi durante una passeggiata, sguardi bramosi, spesso affamati, che ci fanno sentire belle e appetitose, e la cui insistenza, la cui volgarità a volte, è una lusinga.”

Leggi Tutto »
Blog

Le scelte difficili

E’ inevitabile  fare delle scelte nella vita. Scelte non sempre facili da realizzare, spesso di incerta realizzazione, anche dolorose.
Riflettiamo, dunque, su cosa significa per noi affrontare le situazioni, indipendentemente dalla nostra età.
Si, perché le scelte non hanno un’età, ma sono legate ad un’identità personale, ad una storia di vita, e questa può mutare nel tempo.

Leggi Tutto »
Blog

Desiderio, pornografia e solitudine

Martino si illude fino alla fine di poter riempire la propria aridità affettiva, la propria insoddisfazione, il proprio defect esistenziale, con il porno, in un anelito adolescenziale di accettazione e integrazione.
Ma il ‘desiderio’ in Martino è assenza dell’altro, è mancanza di condivisione. E’ un buco nero dove lasciarsi inghiottire. Un naufragio narcisistico.

Leggi Tutto »
Blog

Segreti privati

Durante l’esistenza accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui manifestarsi.
Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento.

Leggi Tutto »
Blog

L’uomo che (non) amava le donne

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Leggi Tutto »
Blog

L’ altro come esperienza di Sé: Dusecka

Per Olga centrarsi sull’altro diventa l’unico modo per dare senso alla sua esperienza. E per cercare una definizione di sé.
Una direzione che la protegge anche dal giudizio del mondo. Perché lei è trasparente, è buona, è compassionevole. Una direzione che la posiziona rispetto alle aspettative e ai giudizi sociali dai quali ha sempre timore di essere sopraffatta.

Leggi Tutto »
Blog

Potere e solitudine nella coppia

Ogni relazione è una ricerca di significati da condividere e di con-senso.
La costruzione di significati comuni nasce sempre dal confronto di storie, di significati personali che, in un dato momento si incontrano.
Fino a quando la relazione mantiene la sua caratteristica di reciprocità, in cui il partner viene riconosciuto nella pienezza dei suoi significati personali e nella sua unicità, il potere nella relazione è meno orientato a limitare la libertà dell’altro e sull’altro, mentre coopera alla ricerca dei significati comuni.
Quando, invece, la relazione perde la sua caratteristica di riconoscimento reciproco, maggiore sarà il senso di solitudine. E, in questo caso, il potere sull’altro diventa l’unico modo per riempire quel senso di insicurezza personale e di isolamento.

Leggi Tutto »
Blog

Il tunnel

“in ogni caso, c’era un solo tunnel, buio e solitario: il mio, il tunnel in cui avevo trascorso l’infanzia, la giovinezza, tutta la mia vita.”
Il tunnel, Ernesto Sabato

Leggi Tutto »
Blog

Perdersi per ritrovarsi insieme

Si parla tanto di adolescenti, ma i genitori chi sono? Di cosa hanno bisogno?
Che effetto fa sentire il proprio figlio allontanarsi da sé?
Perché se da un lato l’adolescente cerca di situarsi in un mondo di significati che rispecchi in maniera più autentica i suoi bisogni, dall’altro è inevitabile che il genitore debba fare i conti con un suo riposizionamento non solo personale, ma anche di coppia.
Un riposizionamento, spesso vissuto con un senso di smarrimento e confusione.
E che, invece, potrebbe generare un’opportunità di cambiamento. Vediamo in che modo…

Leggi Tutto »
Torna su