“Passione semplice”

“Quando ero bambina, lusso significava per me pellicce, abiti lunghi, e ville sulla riva del mare. Più tardi, ho creduto che fosse condurre una vita da intellettuali. Mi sembra ora che sia anche poter vivere una passione per un uomo o per una donna.”      “Passione semplice”,  (Annie Ernaux)

 

Ph: Giuliano Sabato-In foto: Silvia Serio

 

Questa è la storia di una passione, la passione di una donna per un uomo. E’ la storia di un tempo fatto di attese e nel quale  si alternano  presenze ed assenze.

La voce narrante non spiega i motivi del suo coinvolgimento.  Espone solo la sua esperienza, senza giudizi.

La donna in questione è rimasta in attesa  di un uomo per un paio d’anni, esattamente dal giorno in cui lo incontrò per la prima volta.

E’ rimasta in attesa di una sua chiamata, un incontro.

Lo ha aspettato dovunque. Al supermercato, con gli amici, in metro.  Ogni sua  azione era avvolta dal pensiero di lui. Aveva perso interesse per tutto tranne che per lui e  per tutto ciò che ruotasse attorno alla figura di quell’uomo  misterioso.

Aveva persino iniziato a leggere gli oroscopi, a regalare denaro alle persone sedute in strada come  voto, sperando che entro sera lui la chiamasse.

Anche le contrarietà della vita non la infastidivano più, “ Provavo nei confronti della gente un misto di compassione, di dolore e di fraternità.”

L’uomo proveniva dall’Est Europa e si era trasferito a Parigi per motivi di lavoro, ma presto sarebbe  rientrato nel suo paese d’origine.

Non parlava bene il francese, il che, a volte  suscitava  nella donna una sensazione di superficialità nei discorsi che condividevano.

“ Avevo il privilegio di vivere dall’inizio, costantemente, in tutta coscienza, ciò che si finisce sempre per scoprire con stupore e smarrimento: l’uomo che amiamo è uno straniero.”

Lo “straniero” era  sposato. Particolare  alquanto ininfluente per lei.  Ciò che contava, invece, erano i gesti e le parole di quando stavano insieme, i loro corpi che si cercavano in un tempo limitato.

Era il desiderio di lui che si riaffacciava ogni volta che si salutavano per rivedersi chissà quando.

Le uniche attività che la rendevano felice e riempivano quei vuoti tra un incontro e l’altro, erano caratterizzate dall’acquisto di abiti, orecchini, calze. Desiderava presentarsi ad ogni incontro diversa. Come se,  in quel modo,  esorcizzasse la paura di perderlo. Perché la sensazione di non vederlo più,  iniziava ad insinuarsi nei ricordi e nell’attesa.

“Tutto era carenza senza fine, salvo il momento in cui eravamo insieme a fare l’amore. E ancora, avevo l’ossessione del momento successivo, quando sarebbe ripartito. Vivevo il piacere come un futuro dolore.”

Il desiderio di rompere la relazione cresceva. E aumentava con il trascorrere del tempo. Ma l’alternativa sarebbe stata non avere più nulla da attendere. Un dolore troppo grande da sopportare.

Nonostante ciò  la donna continuò a vivere utilizzando ogni risorsa a sua disposizione. Faceva sport, frequentava gli amici.  Una volta riuscì anche a prenotare un breve viaggio a Firenze.

Ad un certo punto lo straniero lasciò Parigi come previsto, senza una telefonata.

Ciò che visse nelle settimane successive  fu una sofferenza  profonda, alternata a momenti di fugace miglioramento. Lentamente, nelle notti insonni, la donna iniziava ad intravedere spazi di libertà di un passato che aveva preceduto la sua ossessione. Ricordò con precisione il suo soggiorno veneziano,  poco prima d’incontrarlo, cercava in quei ricordi piccoli dettagli di un  passato aperto alla felicità.

Si, continuava a vivere…

Con il trascorrere del tempo  si rese conto che il pensiero di lui si affievoliva, non era più continuo.

Con sorpresa la donna riconobbe che ricominciava a dare significato a ciò che era al di fuori di quella che era stata la passione per l’uomo. “Grazie a lui mi sono avvicinata al limite che mi separa dall’altro, al punto da immaginare talora di superarlo. Ho misurato il tempo in modo diverso, con tutto il mio corpo. Ho scoperto di cosa si può essere capaci, cioè di tutto. Desideri sublimi o mortali, assenza di dignità, credenze e comportamenti che trovavo insensati negli altri, finché io stessa non ho fatto a essi ricorso. A sua insaputa, egli mi ha unito ancor di più al mondo.”

Dopo alcuni mesi, una sera, il telefono squillò: era lo straniero. La donna lo vide quella sera stessa. E mai più. Ciò che le rimase di quel ritorno fu la sensazione di non averlo vissuto. “ Quell’uomo non lo rivedrò più. Pure, è quel ritorno, irreale, quasi inesistente, che dà alla mia passione tutto il suo senso: il quale consiste nel non averne alcuno, nell’essere stata per due anni la realtà più violenta che esista, e la meno spiegabile.”

 

La protagonista vive questa passione ed è ben consapevole che non è amore.

 E’ un sentimento che la porta a vivere situazioni che non avrebbe mai pensato di vivere, una follia, ma non è disperata e fragile. E’  invece consapevole che è tutto così illogico, ma l’assenza dell’attesa sarebbe ancora più destabilizzante per lei.

 Racconta che l’unica cosa che fa è attenderlo. E  quando l’incontro si realizza, dopo i primi giorni di stordimento per il tempo limitato trascorso insieme, ricomincia l’attesa di un successivo incontro, se ci sarà.

Ma non può fare a meno di farlo.

Non perché è innamorata, oppure ha avuto un’infanzia travagliata.

Perché è passione…Semplicemente passione.

Può accadere a chiunque di vivere una passione.  E spesso accade, così, semplicemente. 

La passione ci coglie spesso impreparati,  sfugge ad ogni ricerca di significato, perché non si spiega, si vive e basta. 

 È un sentimento che si alimenta, muta d’intensità, cresce e si esaurisce. Ma cresce fino a quando? E in quale direzione?

La passione non ha tempo e direzioni. 

Può durare giorni, mesi o anni.  E non ha direzioni in quanto può essere rivolta ad una persona, ad un interesse, ad un bisogno momentaneo.   

Soprattutto la passione nasconde mentre si vive quei significati che l’hanno preceduta.

 Significati che ad un certo punto la protagonista sente la necessità di recuperare.

Ha bisogno di riconnettersi con un passato, in cui è stata felice, ma anche triste.

Esperienze che ha vissuto e condiviso con altri significativi, anche con i suoi studenti che considerava  “figli”.

Un passato aperto all’esperienza ed al proprio mondo, che l’ha preceduta e le farà seguito. Un passato momentaneamente interrotto dall’esperienza della passione e dalla ricerca di senso.

 Appunto, passione semplicemente…

 

Dr.ssa Paola Uriati

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

Tra solitudine ed autoinganno: una fragile armonia

L’autoinganno ci consente una narrazione che riesce a darci una stabilità, mettendo in ombra gli aspetti problematici o dolorosi della nostra esistenza, e gettando luce solo su quello che ci fa piacere raccontarci, evitando le domande scomode che aprirebbero dolorose incrinature sul nostro senso di stabilità personale.

Leggi Tutto »
Blog

“ IL FIGLIO FANTASMA”

Il figlio ‘fantasma’ rappresenta un figlio ‘diverso’. Un figlio che, secondo i canoni della nostra società, quelle dell’opulenza e del benessere a tutti i costi, rischia sempre di vivere con difficoltà il suo senso di unicità e diversità

Leggi Tutto »
Blog

“A chi dirò la mia tristezza?”

Soprattutto in un periodo così pieno d’incertezze, privo di punti di riferimento, è un bene prendersi del tempo per se stessi e per gli altri.
Doniamoci, quindi, ogni giorno, uno spazio per fermarci, per fare spazio alle parole e ai sentimenti dell’altro, anche se a volte sarebbe più comodo evitarli.
Prendiamo il coraggio di cogliere quegli sguardi, e di non temere la paura e la solitudine.

Leggi Tutto »
Blog

STORIA DI UN INIZIO

Soffrire significa crescere, significa darsi delle opportunità.
Dipende anche e forse principalmente da noi cercare delle vie d’uscita da situazioni che sono ormai finite, che non accettiamo più. Per noi stessi e anche per chi ci stà vicino.

Leggi Tutto »
Blog

La bellezza allo specchio

Betty ed Odette, due donne, due percorsi personali diversi, ma che hanno un aspetto in comune: il timore d’invecchiare.
“Invecchiare è doloroso e atroce. Significa lasciare svanire, senza poter fare nulla, la soavità della pelle, la sua grana lattea, vederla macchiarsi, diventare flaccida e cadente; rinunciare agli sguardi che un tempo si posavano su di noi durante una passeggiata, sguardi bramosi, spesso affamati, che ci fanno sentire belle e appetitose, e la cui insistenza, la cui volgarità a volte, è una lusinga.”

Leggi Tutto »
Blog

VENTIQUATTR’ORE AL CASINO’

Mrs C. ed il giovane diplomatico, si erano incontrati in un casinò della Costa Azzurra. Non si trovavano in quel luogo casualmente. Entrambi speravano di alleviare, davanti ad un tavolo da gioco – l’uno giocando, l’altra passando del tempo- quei sentimenti di noia, di solitudine, e di vuoto che puntualmente, si presentavano nella loro quotidianità.
Vissuti che, una sera di maggio si incontrano, si osservano, si riconoscono, si rincorrono. Ma sfuggono via ad ogni tentativo di ricerca di intimità. Sfuggono da cosa?

Leggi Tutto »
Blog

Le scelte difficili

E’ inevitabile  fare delle scelte nella vita. Scelte non sempre facili da realizzare, spesso di incerta realizzazione, anche dolorose.
Riflettiamo, dunque, su cosa significa per noi affrontare le situazioni, indipendentemente dalla nostra età.
Si, perché le scelte non hanno un’età, ma sono legate ad un’identità personale, ad una storia di vita, e questa può mutare nel tempo.

Leggi Tutto »
Blog

Desiderio, pornografia e solitudine

Martino si illude fino alla fine di poter riempire la propria aridità affettiva, la propria insoddisfazione, il proprio defect esistenziale, con il porno, in un anelito adolescenziale di accettazione e integrazione.
Ma il ‘desiderio’ in Martino è assenza dell’altro, è mancanza di condivisione. E’ un buco nero dove lasciarsi inghiottire. Un naufragio narcisistico.

Leggi Tutto »
Blog

Segreti privati

Durante l’esistenza accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui manifestarsi.
Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento.

Leggi Tutto »
Blog

L’uomo che (non) amava le donne

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Leggi Tutto »
Blog

L’ altro come esperienza di Sé: Dusecka

Per Olga centrarsi sull’altro diventa l’unico modo per dare senso alla sua esperienza. E per cercare una definizione di sé.
Una direzione che la protegge anche dal giudizio del mondo. Perché lei è trasparente, è buona, è compassionevole. Una direzione che la posiziona rispetto alle aspettative e ai giudizi sociali dai quali ha sempre timore di essere sopraffatta.

Leggi Tutto »
Blog

Potere e solitudine nella coppia

Ogni relazione è una ricerca di significati da condividere e di con-senso.
La costruzione di significati comuni nasce sempre dal confronto di storie, di significati personali che, in un dato momento si incontrano.
Fino a quando la relazione mantiene la sua caratteristica di reciprocità, in cui il partner viene riconosciuto nella pienezza dei suoi significati personali e nella sua unicità, il potere nella relazione è meno orientato a limitare la libertà dell’altro e sull’altro, mentre coopera alla ricerca dei significati comuni.
Quando, invece, la relazione perde la sua caratteristica di riconoscimento reciproco, maggiore sarà il senso di solitudine. E, in questo caso, il potere sull’altro diventa l’unico modo per riempire quel senso di insicurezza personale e di isolamento.

Leggi Tutto »
Blog

Il tunnel

“in ogni caso, c’era un solo tunnel, buio e solitario: il mio, il tunnel in cui avevo trascorso l’infanzia, la giovinezza, tutta la mia vita.”
Il tunnel, Ernesto Sabato

Leggi Tutto »
Blog

Perdersi per ritrovarsi insieme

Si parla tanto di adolescenti, ma i genitori chi sono? Di cosa hanno bisogno?
Che effetto fa sentire il proprio figlio allontanarsi da sé?
Perché se da un lato l’adolescente cerca di situarsi in un mondo di significati che rispecchi in maniera più autentica i suoi bisogni, dall’altro è inevitabile che il genitore debba fare i conti con un suo riposizionamento non solo personale, ma anche di coppia.
Un riposizionamento, spesso vissuto con un senso di smarrimento e confusione.
E che, invece, potrebbe generare un’opportunità di cambiamento. Vediamo in che modo…

Leggi Tutto »
Blog

Il coraggio di emozionarsi

Confrontarsi con il prossimo significa, anche, entrare in contatto con sé stessi.
Ma, affinché questa esperienza sia motivo di crescita, è necessario accogliere ed accettare la persona che si incontra nella sua diversità.
Solo in quella diversità ci definiamo e ri-troviamo persone libere e responsabili.

Leggi Tutto »
Torna su