Incontrarsi

L’effetto dell’incontro tra il signor Bruce e la signora Sheridan è simile a quelle mattine  in cui la luce è talmente limpida da illuminare con una certa potenza le zone oscure della notte                                                                   Il pullman per il St. James, (John Cheever)

Ogni mattina il signor  Bruce era solito accompagnare sua figlia Katherine  alla fermata del pullman per l’istituto St. James. La fermata  era  un piccolo punto di ritrovo  anche per i genitori. Durante quel primo semestre invernale si erano unite al piccolo gruppo  le sorelline Sheridan,  due bambine dell’età di Katherine accompagnate dalla loro madre e dal loro cagnolino.

Durante quei primi incontri mattutini il signor Bruce fu piacevolmente colpito dai modi  gentili  della signora Sheridan. La donna  non era  bella,  tantomeno provocante ma, dai suoi atteggiamenti sempre composti e vitali l’uomo intravedeva una persona coraggiosa e sincera.

Il signor Bruce   era vedovo,  sua figlia Katherine era una bambina un po’ goffa e piuttosto miope. Da cinque anni  lui si era risposato con un’altra donna. Anche la signora Sheridan era sposata, aveva avuto tre figli, ma il figlio maschio era  annegato quell’estate. La famiglia si era trasferita dalla campagna a New York,   soprattutto per la determinazione del marito: voleva che le figlie frequentassero  il St. James, l’istituto che aveva frequentato da bambino.

Una sera di fine  ottobre   i genitori furono convocati per un incontro di presentazione con il rettore del St. James. Fu in quell’occasione  che il signor Bruce notò la signora Sheridan  seduta qualche fila più in là, insieme al marito.  Ad un tratto vide  la coppia discutere con una certa animazione. Poi la donna pose una domanda al rettore ( se avessero mai pensato di aprire le iscrizioni a bambini “negri”). E a quel punto il marito, visibilmente contrariato, lasciò la sala. Mal celando un certo fastidio, il rettore rispose che la questione era stata in passato, già presa in considerazione, e che comunque avevano ricevuto pochissime richieste. La signora Sheridan ringraziò per la risposta.  E, in silenzio, si diresse verso l’uscita.

Qualche giorno dopo il signor Bruce incontrò la signora Sheridan durante la lezione di equitazione di sua figlia. Al termine della lezione  l’uomo  le chiese se poteva accompagnarle a casa e la donna accettò di buon grado. Durante il tragitto le ‘confessò’   di aver trovato molto interessante il suo intervento all’assemblea.  Alla donna fece  naturalmente piacere  che qualcuno l’avesse notata e apprezzata, nonostante l’imbarazzo generale che aveva colto tra i partecipanti.   E comunque  la reazione del marito, anche quella imbarazzata, aveva aperto qualche incrinatura nel loro rapporto.

Il signor Bruce e la signora Sheridan si rividero dopo circa una settimana,  ad una  delle solite feste dei bambini. E anche  in quell’occasione l’uomo  si offrì di accompagnarla a casa. Ma quella volta decisero di tornare a piedi. Iniziava a far buio,  quando ad un tratto si accesero i lampioni. L’atmosfera creata dalle luci e la foschia  richiamavano nell’uomo alcuni piacevoli ricordi del passato, impreziositi dalla circostanza e dalla presenza della donna. Quella sera prima di salutarsi il signor Bruce la invitò a pranzo. Si incontrarono qualche giorno dopo  in un ristorantino, un posto anonimo. Lui le chiese cosa pensasse del St. James, era interessato alla sua opinione. La donna, emozionata dal suo interesse, iniziò a parlare come un fiume in piena. Pranzarono  insieme un altro paio di volte, fino a quando, mentre rientravano, si baciarono in un taxi.

Da allora iniziarono ad incontrarsi sempre più spesso, e  l’uomo iniziò a sentirsi turbato. Per la prima volta iniziava a percepire una distanza emotiva non solo da sua moglie , ma da tutto ciò che fino a quel momento era stato il suo mondo. Realizzò che, da quando frequentava il St. James, la figlia si spegneva ogni giorno di più: troppe regole, troppi atteggiamenti compiacenti, troppe formalità e convenevoli.

“… mentre guardava la figlia che faceva obbedientemente ciò che ci si aspettava da lei, lo colpì il pensiero che lui e la compagnia di persone che gli si affollava attorno erano tutti fatti della stessa stoffa. Erano disorientati e confusi, troppo egoisti o troppo sfortunati per attenersi alle forme che garantiscono il perpetuarsi di una società, come avevano fatto i loro padri e le loro madri. Loro invece scaricavano il fardello dell’ordine sui figli riempiendo le loro giornate di falsi riti e cerimonie.”

 Qualche giorno dopo il signor Bruce partì per lavoro e, al suo ritorno la moglie lo accolse con un drink , insieme a qualche chiacchiera di convenienza. In quel momento l’uomo ebbe la conferma del suo senso di solitudine, ormai non avevano più nulla da dirsi.

Ripresero, quindi, gli incontri con la signora Sheridan. Ma un pomeriggio, dopo alcune ore trascorse in albergo, raggiunsero insieme la scuola per riprendere le figlie, e lei si accorse che il marito l’aveva preceduta: aveva ripreso le ragazze e le aveva riportate in tutta fretta nella casa di campagna. “ Sembrava molto turbato” , le dissero le insegnanti. La donna capì.  E sentì sgretolarsi la terra sotto i piedi. Il signor Bruce,  a quel punto, la strinse tra le braccia e l’accompagnò fuori,: doveva stare tranquilla, sarebbe andato tutto bene.

Ogni giorno il signor Bruce osserva la donna alla fermata del pullman mentre conversa con gli altri genitori. Ha un modo di fare che lo incuriosisce. L’uomo ha la sensazione che quei modi gentili  celino, in realtà, una personalità forte e sensibile allo stesso tempo.

L’effetto dell’incontro tra il signor Bruce e la signora Sheridan è simile a quelle mattine  in cui la luce è talmente limpida da illuminare con una certa potenza le zone oscure della notte.

La sua vita era trascorsa senza grossi scossoni. Dopo essere rimasto vedovo con una bambina, si era  risposato  con una donna, i cui interessi prioritari erano lo shopping e le partite a carte con le amiche.   L’uomo era sempre stato molto presente nella vita della  figlia, che accudiva amorevolmente, anche per compensare il disinteresse della moglie.

La sera in cui il signor Bruce  nota  la signora Sheridan domandare al rettore sulla possibilità di aprire le iscrizioni ai bambini “negri”, si dice anche  che avrebbe tolto sua figlia dalla scuola se fosse accaduto.  Però, qualcosa lo scuote.

Da quel momento per il signor Bruce inizia  ad emergere una nuova  consapevolezza di sé e della sua vita, dell’ipocrisia del mondo in cui aveva vissuto fino a quel momento.

Inizia sempre più a notare la superficialità e l’egoismo nei comportamenti della moglie, la sua attenzione per gli aspetti più formali ed esteriori della vita in società.

A quel punto anche sua figlia  gli appare sempre più spenta e sacrificata a quel mondo di regole false e inespressive che la scuola ed il mondo degli adulti le avevano costruito intorno.

L’incontro  con la signora Sheridan getta una nuova luce sul suo mondo e le sue relazioni.  Attraverso di lei il signor Bruce coglie prospettive e aperture di senso nuove e anche poco coerenti, in qualche modo distanti, dal suo quotidiano mondo di significati. Ma è proprio quell’incoerenza, quel senso di estraneità che gli rimanda, a consentirgli uno sguardo diverso su di sé e sul mondo che lo circonda. Uno sguardo che implica anche una maggiore apertura sulle sue possibilità di incontrare il mondo.

Nella vita gli incontri che facciamo o che potremmo fare sono molteplici.  A volte pensiamo siano dovuti  al caso, a volte alla fortuna, a volte al destino. Poco importa. Ma, se riflettiamo,  notiamo che spesso, gli incontri  non sono semplicemente l’esito di una coincidenza fortuita e imprevista.

Incontrare l’Altro spesso innesca la possibilità di cogliere noi stessi da prospettive e significati diversi da quelli cui il nostro quotidiano ci aveva abituato.

È anche per questo che gli incontri, naturalmente quelli significativi, spesso ci turbano e ci rimandano il senso di poterci destabilizzare. Proprio perché ci costringono, in qualche modo, a confrontarci con il nostro mondo, le nostre credenze, i nostri valori, ma anche con le parti di noi più inconsapevoli e meno coerenti con l’immagine di noi stessi che spesso facciamo fatica a riconoscere, accettare ed esprimere.

Quando pensiamo di avere un’immagine di noi coerente e lineare, che mantiene la nostra stabilità e da poter offrire agli altri, spesso è solo un’illusione. E a volte basta poco, un incontro ‘fortuito e imprevisto’ ad esempio, perché le nostre contraddizioni e le nostre fragilità esplodano: a quel punto cambiano le nostre idee e le nostre convinzioni sul mondo, ci innamoriamo, non tolleriamo più persone e situazioni che prima ci erano familiari, ci separiamo…

L’incontro con l’Altro è spesso temuto proprio in ragione di queste potenzialità di cambiamento che porta con sé.

Ma contestualmente è il mezzo più potente di cui disponiamo,  per scardinare le nostre difese e le abitudini della quotidianità, mettere in crisi un’immagine che spesso ci ritroviamo a dover mantenere più per aspettative e ruoli sociali che perché ci rappresenti realmente, consentirci di esprimere parti di noi più intime e più vicine al nostro originario sentire.

Quindi l’apertura all’incontro, rappresenta sempre una grande opportunità, sta a noi prenderla o lasciarcela sfuggire.

Senza un confronto autentico con l’Altro siamo destinati a vivere nelle nostre identità  quotidiane e,  spesso, a  soffrirne.

Quante volte un’esistenza fatta di routine, per quanto rassicurante impedisce di crescere?

 Dr.ssa Paola Uriati

 

 

 

 

Condividi l'articolo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

UNA BELLA BIONDA

A volte l’alcol si insinua tra le maglie della solitudine, e di frequente dilaga quando perdiamo o ci allontaniamo da punti di riferimento significativi. I suoi effetti, a lungo andare penetrano nell’interiorità, anestetizzano emozioni discrepanti e dolorose, rispondono ad una mancanza. L’alcol colma dei vuoti che non trovano altri contesti di riconoscimento e riempie, con la forza dell’abitudine e della gratificazione immediata, un’esistenza in cerca di nuovi significati.

Leggi Tutto »
Blog

La crescita di un figlio, il tramonto di un genitore

Quando un ragazzo si avventura negli anni dell’adolescenza, vive una vera e propria rivoluzione, certamente la più importante.
Ovviamente, tale cambiamento non può non coinvolgere anche il genitore e la relazione che questi ha con il proprio figlio.
A volte accade che un genitore faccia fatica a lasciar andare e ad accettare l’esigenza di autonomia del figlio, che viene vissuta con un senso di perdita.
Può sentirsi confuso, disorientato, arrabbiato, triste, in colpa… Queste sono solo alcune delle emozioni consuete, che possono variare d’intesità e durata, a seconda della propria storia personale, e del momento di vita che si sta attraversando.

Leggi Tutto »
Blog

Appuntamento al buio

Chi si incontra in questa ‘spiaggia’?
“ci sono due tipi di persone fra cui scegliere: quelli che affondano e quelli che non vanno avanti.”
Tuttavia, accettare un appuntamento al buio a volte significa anche mettersi in gioco. E mostrarsi disponibili a quelle aperture di senso che soltanto il futuro, con le sue incognite, le sue incertezze, i suoi pericoli, ma anche il suo oceano di possibilità, può darci.

Leggi Tutto »
Blog

Cadaveri in giardino

Ognuno di noi tende a rimanere chiuso in una sorta di corazza, di cui non si accorge per via della routine, con una prospettiva che ha difficoltà ad andare oltre la staccionata del proprio giardino. Sono pochi i momenti che riescono a penetrarla, a darci un’esperienza di noi diversa, in cui ci si chiede “oh, oh…cosa è accaduto?”
Ed è in questi momenti che emergono significati che pensavamo non ci appartenessero, e ci sorprendono e ci fanno riflettere.

Leggi Tutto »
Blog

Tra solitudine ed autoinganno: una fragile armonia

L’autoinganno ci consente una narrazione che riesce a darci una stabilità, mettendo in ombra gli aspetti problematici o dolorosi della nostra esistenza, e gettando luce solo su quello che ci fa piacere raccontarci, evitando le domande scomode che aprirebbero dolorose incrinature sul nostro senso di stabilità personale.

Leggi Tutto »
Blog

“ Il figlio fantasma”

Il figlio ‘fantasma’ rappresenta un figlio ‘diverso’. Un figlio che, secondo i canoni della nostra società, quelle dell’opulenza e del benessere a tutti i costi, rischia sempre di vivere con difficoltà il suo senso di unicità e diversità

Leggi Tutto »
Blog

“Passione semplice”

La passione ci coglie spesso impreparati, sfugge ad ogni ricerca di significato, perché non si spiega, si vive e basta.
La passione non ha tempo e direzioni. Soprattutto la passione nasconde mentre si vive quei significati che l’hanno preceduta.

Leggi Tutto »
Blog

“A chi dirò la mia tristezza?”

Soprattutto in un periodo così pieno d’incertezze, privo di punti di riferimento, è un bene prendersi del tempo per se stessi e per gli altri.
Doniamoci, quindi, ogni giorno, uno spazio per fermarci, per fare spazio alle parole e ai sentimenti dell’altro, anche se a volte sarebbe più comodo evitarli.
Prendiamo il coraggio di cogliere quegli sguardi, e di non temere la paura e la solitudine.

Leggi Tutto »
Blog

Storia di un inizio

Soffrire significa crescere, significa darsi delle opportunità.
Dipende anche e forse principalmente da noi cercare delle vie d’uscita da situazioni che sono ormai finite, che non accettiamo più. Per noi stessi e anche per chi ci stà vicino.

Leggi Tutto »
Blog

La bellezza allo specchio

Betty ed Odette, due donne, due percorsi personali diversi, ma che hanno un aspetto in comune: il timore d’invecchiare.
“Invecchiare è doloroso e atroce. Significa lasciare svanire, senza poter fare nulla, la soavità della pelle, la sua grana lattea, vederla macchiarsi, diventare flaccida e cadente; rinunciare agli sguardi che un tempo si posavano su di noi durante una passeggiata, sguardi bramosi, spesso affamati, che ci fanno sentire belle e appetitose, e la cui insistenza, la cui volgarità a volte, è una lusinga.”

Leggi Tutto »
Blog

Passione e morte alla roulette

Mrs C. ed il giovane diplomatico, si erano incontrati in un casinò della Costa Azzurra. Non si trovavano in quel luogo casualmente. Entrambi speravano di alleviare, davanti ad un tavolo da gioco – l’uno giocando, l’altra passando del tempo- quei sentimenti di noia, di solitudine, e di vuoto che puntualmente, si presentavano nella loro quotidianità.
Vissuti che, una sera di maggio si incontrano, si osservano, si riconoscono, si rincorrono. Ma sfuggono via ad ogni tentativo di ricerca di intimità. Sfuggono da cosa?

Leggi Tutto »
Blog

Le scelte difficili

E’ inevitabile  fare delle scelte nella vita. Scelte non sempre facili da realizzare, spesso di incerta realizzazione, anche dolorose.
Riflettiamo, dunque, su cosa significa per noi affrontare le situazioni, indipendentemente dalla nostra età.
Si, perché le scelte non hanno un’età, ma sono legate ad un’identità personale, ad una storia di vita, e questa può mutare nel tempo.

Leggi Tutto »
Blog

Desiderio, pornografia e solitudine

Martino si illude fino alla fine di poter riempire la propria aridità affettiva, la propria insoddisfazione, il proprio defect esistenziale, con il porno, in un anelito adolescenziale di accettazione e integrazione.
Ma il ‘desiderio’ in Martino è assenza dell’altro, è mancanza di condivisione. E’ un buco nero dove lasciarsi inghiottire. Un naufragio narcisistico.

Leggi Tutto »
Blog

Segreti privati

Durante l’esistenza accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui manifestarsi.
Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento.

Leggi Tutto »
Blog

L’uomo che (non) amava le donne

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Leggi Tutto »
Torna su