Gli innamoramenti

“L’ abitudine può sostituire l’amore, non l’innamoramento…quel che è molto raro è provare una debolezza, una vera debolezza per qualcuno che comunque la produca in noi…che ci renda deboli…che ci impedisca di essere oggettivi e ci disarmi in eterno…”

“Gli innamoramenti” (Javier Marias)

 

Maria Dolz lavora come redattrice in una casa editrice di Madrid.
Da qualche anno, tutte le mattine, fa colazione in un bar ed osserva, in silenzio, una coppia di sconosciuti.
Non osserva una coppia qualsiasi, ma una coppia che, ai suoi occhi appare “perfetta.”

Osserva in silenzio e con discrezione gli sguardi che i due innamorati si scambiano prima di andare a lavoro, i dialoghi colmi di complicità, il loro gesticolare, attento e premuroso nei confronti dell’altro.

Maria fantastica e si emoziona nel vedere una coppia così affiatata.

Si nutre del loro amore senza mai provare invidia. Anzi avverte una sensazione di benessere e gioia che le consentono di affrontare le sue monotone giornate caratterizzate da un lavoro insoddisfacente e un accompagnatore a metà.

Un giorno, tuttavia la coppia non si presenta.
Sembra improvvisamente scomparsa nel nulla. Questa assenza genera in Maria un profondo scoramento, al punto che ogni giorno che passa perde il suo ottimismo.

Per caso viene a sapere che Miguel, il marito della coppia, è stato aggredito ed ucciso da uno sconosciuto, che lo ha scambiato per un altro.

Una mattina, a distanza di qualche mese dall’accaduto, Maria incontra al bar Luisa, la vedova di Miguel. In quell’istante presa da un impulso irrefrenabile decide di non voler essere più un’anonima osservatrice.

E si avvicina alla donna per conoscerla, per osservare gli effetti di un amore strappatole prematuramente da un feroce scherzo del destino.

Luisa quel giorno invita Maria a casa sua dove conosce  Javier, il  migliore amico di  Miguel, di cui Maria si innamorerà ed con il quale inizierà una breve relazione.

Nel corso della loro relazione, Javier non le nasconderà mai i suoi sentimenti verso Luisa.

Attende solo che il tempo sfumi, definitivamente, l’immagine di Miguel, per far posto ad una nuova opportunità: l’incontro con lui.

Maria, consapevole di tutto questo, sceglie di amarlo in silenzio, nonostante si renda conto che i loro incontri sono privi di alcun senso.
Scambi sporadici, introspettivi, in cui i pensieri di Maria, spinti da un flusso di emozioni dirompenti, si inseguono in maniera ossessiva. Fino a quando inizia a sospettare che l’uccisione di Miguel non sia avvenuta per caso.
Javier ne sarebbe l’artefice. Lui non nega, anzi le presenterà una nuova verità.

“Il passare del tempo esaspera e condensa qualsiasi tempesta,anche se al principio non c’era neppure una nube minuscola all’orizzonte. Ignoriamo quel che il tempo farà di noi con i suoi strati sottili che si sovrappongono indistinguibili, in che cosa è capace di trasformarci.”

Maria osserva tutte le mattine una coppia di sconosciuti, una coppia che incarna, nella sua fantasia, un amore genuino, duraturo, passionale. Un amore perfetto.
Un giorno però le illusioni, costruite in anni di osservazione, si frantumano bruscamente.
Spinta dal desiderio di voler conoscere gli smottamenti emotivi provati da Luisa in seguito alla perdita affettiva del marito , Maria entra, per la prima volta, in un mondo sconosciuto.

Un mondo in cui scopre e si lascia travolgere dal lato oscuro dell’amore e dell’innamoramento, i cui protagonisti sono il tempo, l’incertezza, l’inganno, il dolore, la manipolazione, la fragilità, la speranza.
Il tempo ci trasforma lentamente, raramente ne siamo consapevoli. Ma è sempre con noi, dentro di noi. Le relazioni d’amore non sono immuni dal suo passaggio,

“quante persone che ci sembravano vitali perdiamo per strada, quante si esauriscono e con quante si diluisce il rapporto senza che vi sia un motivo apparente né tantomeno  importante. Le uniche che non ci vengono meno né ci deludono sono quelle che ci vengono strappate, le uniche che non lasciamo cadere sono quelle che scompaiono contro la nostra volontà, bruscamente, e così non hanno il tempo di crearci dispiacere o di deluderci.”

Tuttavia il tempo trascorre senza mai voltarsi, ed un amore interrotto prima o poi lascia spazio al desiderio che appare all’orizzonte.

Desiderare significa andare incontro all’altro…anche innamorarsi.

Innamoramento, che non è amore, non ancora, e forse non lo sarà.

Innamoramento che ci inebria, ci spaventa, ci perturba, ci rende fragili, ci apre ad emozioni sconosciute. Innamoramento che si svela nella dimensione dell’incontro, attraverso l’altro ognuno prende forma, in questa dinamica l’altro appare unico, e questa unicità ci rimanda un’immagine di noi consistente e piena, ci legittima nelle nostre espressioni e nella ricerca dei nostri significati.

Attraverso questo riconoscimento ci si sente più autentici, e attraverso le dimensioni e le caratteristiche dell’altro si colgono e si articolano parti di sé, altrimenti sconosciute, in un processo di reciprocità e crescita .

 

Dr.ssa Paola Uriati

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

Le scelte difficili

E’ inevitabile  fare delle scelte nella vita. Scelte non sempre facili da realizzare, spesso di incerta realizzazione, anche dolorose.
Riflettiamo, dunque, su cosa significa per noi affrontare le situazioni, indipendentemente dalla nostra età.
Si, perché le scelte non hanno un’età, ma sono legate ad un’identità personale, ad una storia di vita, e questa può mutare nel tempo.

Leggi Tutto »
Blog

Desiderio, pornografia e solitudine

Martino si illude fino alla fine di poter riempire la propria aridità affettiva, la propria insoddisfazione, il proprio defect esistenziale, con il porno, in un anelito adolescenziale di accettazione e integrazione.
Ma il ‘desiderio’ in Martino è assenza dell’altro, è mancanza di condivisione. E’ un buco nero dove lasciarsi inghiottire. Un naufragio narcisistico.

Leggi Tutto »
Blog

Segreti privati

Durante l’esistenza accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui manifestarsi.
Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento.

Leggi Tutto »
Blog

L’uomo che (non) amava le donne

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Leggi Tutto »
Blog

L’ altro come esperienza di Sé: Dusecka

Per Olga centrarsi sull’altro diventa l’unico modo per dare senso alla sua esperienza. E per cercare una definizione di sé.
Una direzione che la protegge anche dal giudizio del mondo. Perché lei è trasparente, è buona, è compassionevole. Una direzione che la posiziona rispetto alle aspettative e ai giudizi sociali dai quali ha sempre timore di essere sopraffatta.

Leggi Tutto »
Blog

Potere e solitudine nella coppia

Ogni relazione è una ricerca di significati da condividere e di con-senso.
La costruzione di significati comuni nasce sempre dal confronto di storie, di significati personali che, in un dato momento si incontrano.
Fino a quando la relazione mantiene la sua caratteristica di reciprocità, in cui il partner viene riconosciuto nella pienezza dei suoi significati personali e nella sua unicità, il potere nella relazione è meno orientato a limitare la libertà dell’altro e sull’altro, mentre coopera alla ricerca dei significati comuni.
Quando, invece, la relazione perde la sua caratteristica di riconoscimento reciproco, maggiore sarà il senso di solitudine. E, in questo caso, il potere sull’altro diventa l’unico modo per riempire quel senso di insicurezza personale e di isolamento.

Leggi Tutto »
Blog

Il tunnel

“in ogni caso, c’era un solo tunnel, buio e solitario: il mio, il tunnel in cui avevo trascorso l’infanzia, la giovinezza, tutta la mia vita.”
Il tunnel, Ernesto Sabato

Leggi Tutto »
Blog

Perdersi per ritrovarsi insieme

Si parla tanto di adolescenti, ma i genitori chi sono? Di cosa hanno bisogno?
Che effetto fa sentire il proprio figlio allontanarsi da sé?
Perché se da un lato l’adolescente cerca di situarsi in un mondo di significati che rispecchi in maniera più autentica i suoi bisogni, dall’altro è inevitabile che il genitore debba fare i conti con un suo riposizionamento non solo personale, ma anche di coppia.
Un riposizionamento, spesso vissuto con un senso di smarrimento e confusione.
E che, invece, potrebbe generare un’opportunità di cambiamento. Vediamo in che modo…

Leggi Tutto »
Blog

Il coraggio di emozionarsi

Confrontarsi con il prossimo significa, anche, entrare in contatto con sé stessi.
Ma, affinché questa esperienza sia motivo di crescita, è necessario accogliere ed accettare la persona che si incontra nella sua diversità.
Solo in quella diversità ci definiamo e ri-troviamo persone libere e responsabili.

Leggi Tutto »
Blog

Quel senso di solitudine

Il SENSO DI SOLITUDINE non è una condizione permanente, ma muta nel corso della vita.
In particolar modo, ciò che muta è la capacità di attribuire senso e significato alla propria esperienza in un rinnovato racconto di sé, in grado di cambiare negli aspetti concreti la vita di una persona.

Leggi Tutto »
Blog

Fuggire da sé

Dare senso alle opportunità che si incontrano e si scelgono quotidianamente. Muoversi con maggiore consapevolezza non ci protegge dall’incertezza e dalle paure della vita, ma contribuisce ad una presa in carico di se stessi e degli altri più autentica e generosa.

Leggi Tutto »
Blog

I giovani d’oggi: dalla reazione all’azione

Il giovane, si trova disorientato, poiché da una parte,  cerca di costruire, con grande sofferenza e difficoltà,  un’identità autonoma, responsabile e svincolata dal mondo della famiglia d’origine, dall’altra si trova a dover fare i conti con una società  che non è più in grado di offrirgli il contesto protettivo e strutturante che questo fase di crescita richiede.

Leggi Tutto »
Torna su