Il coraggio di emozionarsi

Come la diversità ci trasforma in persone libere e responsabili

“L’inconfondibile tristezza della torta al limone”  (Aimee Bender)

 

 Com’è possibile che il gusto, delicato, di una torta al limone si trasformi in una sensazione di vuoto e di solitudine? Ma cosa ancor più inquietante, com’è possibile che quella stessa sensazione, appartenga a qualcun altro?

Rose al compimento dei suoi nove anni, scopre di possedere un “dono”: quello di sentire, nel cibo, il sapore dei sentimenti di chi lo prepara.

Così, le ricette elaborate da sua madre, hanno, per la ragazza, un retrogusto di infelicita’, mentre nei biscotti del fornaio sente la sua rabbia inespressa.
Così Rose si immedesima prematuramente, con la sofferenza, la solitudine, il dolore dell’altro.

Un dolore intenso dal quale tenta, invano di scappare.  Arrivando persino a chiedere a sua madre di farsi “strappare la bocca.”
Nulla di tutto questo accadrà.

Anzi, imparerà a nascondere anche a se stessa questa sua attitudine così sofferta e bizzarra; sentendosi sempre più incompresa e sola.

La ragazza sprofonda, quindi, in un limbo di incertezze.

I punti di riferimento familiari diventano sempre più confusi. Ancor più quando scopre, attraverso questa sua capacità, che ogni membro della sua famiglia nasconde un segreto.

Si, nessuno è come appare.

I sorrisi di sua madre celano una richiesta d’aiuto.

Il padre, percepito da Rose  come un ospite, per le sue abitudini rassicuranti ed allo stesso tempo inconsistenti, un giorno le rivelerà il suo “dono”.

Un dono che ha vissuto sempre come un’esperienza di estraneità e diversità dagli altri.

Un dono di cui non si è mai voluto far carico.

Ed infine, il fratello Joseph: figura inquietante e schiva.  Che nelle sue “sparizioni”, tenterà, invano, di dare un senso alla sua esistenza.

“Nei film, un amore illecito viene spesso denotato da scene in cui si spia in una camera di motel, o da segni di un rossetto lasciati su un colletto bianco. Avevo dodici anni quando mi sedetti a cena con la mia famiglia per mangiare roast beef con patate, una fredda sera di febbraio, e percepii una tale sferzata di senso di colpa mista a una storia d’amore nel mio primo boccone che capii, all’istante, che lei aveva conosciuto qualcun altro.”         

 Cosa rappresenta il cibo per Rose?

Il cibo è lo strumento per sentire, riconoscere, accedere e distanziarsi dall’incontro con l’altro.

 Un’ esperienza che non può esimerla dal soffrire e patire un mondo che, all’improvviso, le si manifesta in modo straziante, rimandandole riflessi di sé  pervasivi e costanti di non amabilità.

Sentimenti che non può più continuare a nascondere.

Fino ad un certo punto della sua vita, Rose non si pone domande.

Per comodità, per sopravvivenza, si sente “più come un’eco che come una vera partecipante.”

 Durante il suo percorso di crescita, la capacità di aprirsi all’altro, le permetterà di trasformare quel suo sentirsi diversa ed incompresa in una particolarità unica ed irripetibile: sé stessa.

 Ognuno di noi ha una molteplicità di particolarità, negative o positive, non ha importanza.

Ciò che ha importanza è la cura e l’attenzione all’altro.

 Confrontarsi con il prossimo significa, anche, entrare in contatto con sé stessi.

 Ma, affinché questa esperienza sia motivo di crescita, è necessario accogliere ed accettare la persona che si incontra nella sua diversità.

 Solo in quella diversità ci definiamo e ri-troviamo persone libere e responsabili.

 

Dr.ssa Paola Uriati

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

STORIA DI UN INIZIO

Soffrire significa crescere, significa darsi delle opportunità.
Dipende anche e forse principalmente da noi cercare delle vie d’uscita da situazioni che sono ormai finite, che non accettiamo più. Per noi stessi e anche per chi ci stà vicino.

Leggi Tutto »
Blog

La bellezza allo specchio

Betty ed Odette, due donne, due percorsi personali diversi, ma che hanno un aspetto in comune: il timore d’invecchiare.
“Invecchiare è doloroso e atroce. Significa lasciare svanire, senza poter fare nulla, la soavità della pelle, la sua grana lattea, vederla macchiarsi, diventare flaccida e cadente; rinunciare agli sguardi che un tempo si posavano su di noi durante una passeggiata, sguardi bramosi, spesso affamati, che ci fanno sentire belle e appetitose, e la cui insistenza, la cui volgarità a volte, è una lusinga.”

Leggi Tutto »
Blog

VENTIQUATTR’ORE AL CASINO’

Mrs C. ed il giovane diplomatico, si erano incontrati in un casinò della Costa Azzurra. Non si trovavano in quel luogo casualmente. Entrambi speravano di alleviare, davanti ad un tavolo da gioco – l’uno giocando, l’altra passando del tempo- quei sentimenti di noia, di solitudine, e di vuoto che puntualmente, si presentavano nella loro quotidianità.
Vissuti che, una sera di maggio si incontrano, si osservano, si riconoscono, si rincorrono. Ma sfuggono via ad ogni tentativo di ricerca di intimità. Sfuggono da cosa?

Leggi Tutto »
Blog

Le scelte difficili

E’ inevitabile  fare delle scelte nella vita. Scelte non sempre facili da realizzare, spesso di incerta realizzazione, anche dolorose.
Riflettiamo, dunque, su cosa significa per noi affrontare le situazioni, indipendentemente dalla nostra età.
Si, perché le scelte non hanno un’età, ma sono legate ad un’identità personale, ad una storia di vita, e questa può mutare nel tempo.

Leggi Tutto »
Blog

Desiderio, pornografia e solitudine

Martino si illude fino alla fine di poter riempire la propria aridità affettiva, la propria insoddisfazione, il proprio defect esistenziale, con il porno, in un anelito adolescenziale di accettazione e integrazione.
Ma il ‘desiderio’ in Martino è assenza dell’altro, è mancanza di condivisione. E’ un buco nero dove lasciarsi inghiottire. Un naufragio narcisistico.

Leggi Tutto »
Blog

Segreti privati

Durante l’esistenza accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui manifestarsi.
Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento.

Leggi Tutto »
Blog

L’uomo che (non) amava le donne

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Leggi Tutto »
Blog

L’ altro come esperienza di Sé: Dusecka

Per Olga centrarsi sull’altro diventa l’unico modo per dare senso alla sua esperienza. E per cercare una definizione di sé.
Una direzione che la protegge anche dal giudizio del mondo. Perché lei è trasparente, è buona, è compassionevole. Una direzione che la posiziona rispetto alle aspettative e ai giudizi sociali dai quali ha sempre timore di essere sopraffatta.

Leggi Tutto »
Blog

Potere e solitudine nella coppia

Ogni relazione è una ricerca di significati da condividere e di con-senso.
La costruzione di significati comuni nasce sempre dal confronto di storie, di significati personali che, in un dato momento si incontrano.
Fino a quando la relazione mantiene la sua caratteristica di reciprocità, in cui il partner viene riconosciuto nella pienezza dei suoi significati personali e nella sua unicità, il potere nella relazione è meno orientato a limitare la libertà dell’altro e sull’altro, mentre coopera alla ricerca dei significati comuni.
Quando, invece, la relazione perde la sua caratteristica di riconoscimento reciproco, maggiore sarà il senso di solitudine. E, in questo caso, il potere sull’altro diventa l’unico modo per riempire quel senso di insicurezza personale e di isolamento.

Leggi Tutto »
Blog

Il tunnel

“in ogni caso, c’era un solo tunnel, buio e solitario: il mio, il tunnel in cui avevo trascorso l’infanzia, la giovinezza, tutta la mia vita.”
Il tunnel, Ernesto Sabato

Leggi Tutto »
Blog

Perdersi per ritrovarsi insieme

Si parla tanto di adolescenti, ma i genitori chi sono? Di cosa hanno bisogno?
Che effetto fa sentire il proprio figlio allontanarsi da sé?
Perché se da un lato l’adolescente cerca di situarsi in un mondo di significati che rispecchi in maniera più autentica i suoi bisogni, dall’altro è inevitabile che il genitore debba fare i conti con un suo riposizionamento non solo personale, ma anche di coppia.
Un riposizionamento, spesso vissuto con un senso di smarrimento e confusione.
E che, invece, potrebbe generare un’opportunità di cambiamento. Vediamo in che modo…

Leggi Tutto »
Blog

Quel senso di solitudine

Il SENSO DI SOLITUDINE non è una condizione permanente, ma muta nel corso della vita.
In particolar modo, ciò che muta è la capacità di attribuire senso e significato alla propria esperienza in un rinnovato racconto di sé, in grado di cambiare negli aspetti concreti la vita di una persona.

Leggi Tutto »
Blog

Fuggire da sé

Dare senso alle opportunità che si incontrano e si scelgono quotidianamente. Muoversi con maggiore consapevolezza non ci protegge dall’incertezza e dalle paure della vita, ma contribuisce ad una presa in carico di se stessi e degli altri più autentica e generosa.

Leggi Tutto »
Torna su