Le scelte difficili

  • La signorina Else, (Arthur Schnitzler)

 

San Martino di Castrozza.  Ore 18.

Else, all’improvviso, interrompe  la partita a tennis con il cugino Paul e la signora Cissy. E decide di andar via. Si sente stanca, forse  c’è qualcosa che la preoccupa.

Durante il tragitto verso l’ albergo la ragazza è inebriata  dall’aria fresca, quasi autunnale, il sole sta lentamente tramontando sul paesaggio circostante.  Il Cimon, la vetta più alta delle Pale di San Martino, è coperta da un bagliore rossastro. Una visione che  toglie il fiato ad Else,  la commuove per la bellezza che emana.

Piacente ragazza viennese di appena 19 anni, Else  si trova in quell’ hotel del Trentino per trascorrere un periodo di vacanza con la zia materna. Figlia di un noto avvocato con il vizio del gioco e di una donna molto attenta alle apparenze. Else ha un fratello, che vive all’estero.

Rientrata in albergo, Else coglie, all’ingresso, un’atmosfera  spensierata e festosa. Un’atmosfera che tuttavia, non rispecchia il  vissuto della giovane particolarmente  pensieroso. Else è in attesa di una lettera espresso inviatole da sua madre, una lettera che la preoccupa molto, soprattutto per l’urgenza con cui è stata spedita. Teme sia accaduto qualcosa di grave.

Ad un tratto, mentre è ancora nella hall dell’albergo, il portiere la chiama: la lettera è arrivata.

Mentre sale  nella sua stanza, la numero 77, pensa che quello è ‘numero fortunato’. Un pensiero rassicurante  nel  flusso di pensieri che  si rincorrono in maniera sempre più affannosa nella sua testa.

Prima di leggere il contenuto della lettera Else volge un ultimo  sguardo, attraverso la finestra: il Cimon è lì, davanti a lei, ancora più maestoso. Ma è giunto il momento di aprire la lettera.

La  madre le comunica, con tono patetico, che se entro due giorni il padre non restituirà al procuratore la somma di trentamila fiorini, a seguito di una vicenda in cui è implicato, verrà arrestato. Ma la cosa che  preoccupa  ancora di più la madre è lo scandalo a cui andrà incontro tutta la famiglia.

La madre quindi, senza mezze misure, chiede  alla ragazza  di  parlare dell’accaduto con il sig. Von Dorsday, un ricco  commerciante di quadri, che attualmente soggiorna presso lo stesso hotel. Un uomo sgradevole agli occhi di Else. Von Dorsday, un tempo, aveva già aiutato il padre di Else, e lo aiuterebbe ancora per il debole che il commerciante ha sempre  avuto verso quella diciannovenne.

La madre di Else, d’accordo con il padre, è convinta che  se la ragazza si mostrerà ‘gentile’ con l’uomo, riuscirà ad ottenere il prestito, ed il padre si salverà, così dalla prigione.

Letta la lettera, Else viene attanagliata da un flusso di pensieri e di emozioni contrastanti.

Passa dal provare una grande vergogna solo all’idea di parlare con quell’uomo – ma in fondo, pensa, non è colpa sua – alla paura che il padre possa fare un gesto estremo. Si rimprovera, anche, di non avere un soldo, di non aver imparato nulla nella vita.  Si, suona il pianoforte, conosce le lingue. Ma nulla di veramente sostanzioso.

Le emozioni oscillano dalla colpa  alla rabbia. Un flusso inarrestabile di pensieri che la portano a ripercorre la sua breve e fragile esistenza.

Pensieri frammentati che riguardano il suo rapporto con i genitori dai quali non si è mai sentita vista e considerata. E da cui non si è mai emancipata.

Pensieri che la portano a prendere consapevolezza del suo destino già segnato dalle convenzioni sociali e familiari.  Un destino vuoto di realizzazioni personali.

‘A Vienna riprenderò a esercitarmi con regolarità. Voglio proprio cambiare vita. Dovremmo farlo tutti quanti. Così non si può andare avanti. Parlerò seriamente con papà… purché ce ne sia ancora il tempo. Ci sarà, ci sarà. Perché non l’ho fatto prima? In casa nostra si butta sempre tutto sul ridere, anche se nessuno è in vena di scherzare. In realtà ciascuno ha paura dell’altro, ciascuno di noi è solo.’

Manca un’ora alla cena. Deve prendere una decisione, e in fretta, non può più aspettare.

‘Le  cime hanno smesso di mandare fiamme. L’incanto della serata si è rotto. Il paesaggio è triste. No, non il paesaggio, la vita è triste.’

Else decide di parlare al sig. Von Dorsday.  Indosserà, per l’occasione, un abito nero, che incarna la sua bellezza, la sua  seduzione e vulnerabilità.

Poco prima di cena i due si incontrano casualmente nella hall dell’albergo. E  mentre passeggiano in giardino, Else prende coraggio e  rivela  all’uomo, con estremo imbarazzo l’accaduto. Lui si mostra ben disposto ad aiutarli ed a pagare il debito. Ma ad una condizione: ‘non pretendo nient’altro da lei se non di poter stare per un quarto d’ora in contemplazione della sua bellezza.’

L’uomo a quel punto la saluta dicendole di pensarci e di dargli una  risposta dopo cena.

Una richiesta che getta la ragazza in un baratro senza via d’uscita.

Il suo monologo interiore assume un ritmo incalzante quanto lo è la sua disperazione. Imprigionata nel suo mondo di solitudine e di silenzi, Else si sente ancor più lacerata dall’impossibilità di confrontarsi con qualcuno, tantomeno con i suoi genitori. ‘Ma quando mai vi siete occupati di ciò che accade dentro di me, di ciò che mi tormenta e mi fa paura? Qualche volta mi è sembrato di cogliere un’intuizione nello sguardo di papà, ma durava appena un attimo.’

I  desideri di Else, i sogni, i  progetti, ancora poco strutturati, iniziano a sgretolarsi.

Rimugina, mentre continua da sola a passeggiare senza una meta. Ad un tratto si sveglia, deve essersi addormentata. Si rende conto di aver sognato. Ha sognato il suo funerale, come unica possibilità di uscita dall’incubo.

Else si rende conto che la cena è già iniziata e che gli ospiti si staranno chiedendo dove sia finita.

Il sogno  sembra averla tranquillizzata.  Ha preso una decisione. Decisione che oltre ad acquietare il suo disagio interiore, la farà sentire finalmente libera dalle pressioni altrui.

Interessante è il monologo interiore in cui Else prende lentamente consapevolezza che le sue prospettive  esistenziali sono piuttosto limitate a causa delle aspettative familiari, che hanno sempre privilegiato l’interesse e la posizione sociale, anziché supportare scelte più orientate ai bisogni personali. 

Else è cresciuta in questo clima arido di riconoscimenti personali.

Un’esistenza  scialba e priva di confronti.  Ed è proprio attraverso il ricatto subìto come unica soluzione per salvare il padre e la reputazione familiare,  che la ragazza tematizza quel senso di fragilità e di solitudine in cui ha vissuto per anni.

Fragilità che durante la crescita  si è  manifestata con  atteggiamenti ambivalenti. Atteggiamenti che andavano dall’assecondare le richieste genitoriali, a contrapposti  tentativi di demarcazione ancora poco definiti.

Else desidera muoversi con maggior autonomia. Questo è ciò che desidera.  Ma ha paura delle conseguenze, in fondo, a causa  della sua giovane età non ha ancora un’identità  stabile e strutturata.

Nonostante ciò, però, decide di non sottostare al ricatto.

Una scelta difficile quella di Else, che si trasformerà in ‘un’uscita di scena di tutto rispetto.’

 

E’ inevitabile  fare delle scelte nella vita. Scelte non sempre facili da realizzare, spesso di incerta realizzazione, anche dolorose. E per quanto si preferisca fuggire dalla sofferenza, il disagio che a volte si vive nel fare delle scelte è sempre con noi, quasi invisibile, ma sempre al nostro fianco.

La strada della fuga prende sempre percorsi apparentemente più leggeri. Ma siamo consapevoli che, prima o poi, quelle scelte si ripresenteranno in tempi ed in modalità diverse.

Riflettiamo, dunque, su cosa significa per noi affrontare le situazioni, indipendentemente dalla nostra età.

Si, perché le scelte non hanno un’età, ma sono legate ad un’identità personale, ad una storia di vita, e questa può mutare nel tempo.

La nostra identità  e la nostra storia non ci guidano  a fare le scelte giuste o sbagliate, ma ci orientano nell’individuare percorsi esperienziali ed emotivi più in sintonia con noi stessi e le nostre possibilità.

 

Dr.ssa Paola Uriati

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

Desiderio, pornografia e solitudine

Martino si illude fino alla fine di poter riempire la propria aridità affettiva, la propria insoddisfazione, il proprio defect esistenziale, con il porno, in un anelito adolescenziale di accettazione e integrazione.
Ma il ‘desiderio’ in Martino è assenza dell’altro, è mancanza di condivisione. E’ un buco nero dove lasciarsi inghiottire. Un naufragio narcisistico.

Leggi Tutto »
Blog

Segreti privati

Durante l’esistenza accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui manifestarsi.
Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento.

Leggi Tutto »
Blog

L’uomo che (non) amava le donne

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Leggi Tutto »
Blog

L’ altro come esperienza di Sé: Dusecka

Per Olga centrarsi sull’altro diventa l’unico modo per dare senso alla sua esperienza. E per cercare una definizione di sé.
Una direzione che la protegge anche dal giudizio del mondo. Perché lei è trasparente, è buona, è compassionevole. Una direzione che la posiziona rispetto alle aspettative e ai giudizi sociali dai quali ha sempre timore di essere sopraffatta.

Leggi Tutto »
Blog

Potere e solitudine nella coppia

Ogni relazione è una ricerca di significati da condividere e di con-senso.
La costruzione di significati comuni nasce sempre dal confronto di storie, di significati personali che, in un dato momento si incontrano.
Fino a quando la relazione mantiene la sua caratteristica di reciprocità, in cui il partner viene riconosciuto nella pienezza dei suoi significati personali e nella sua unicità, il potere nella relazione è meno orientato a limitare la libertà dell’altro e sull’altro, mentre coopera alla ricerca dei significati comuni.
Quando, invece, la relazione perde la sua caratteristica di riconoscimento reciproco, maggiore sarà il senso di solitudine. E, in questo caso, il potere sull’altro diventa l’unico modo per riempire quel senso di insicurezza personale e di isolamento.

Leggi Tutto »
Blog

Il tunnel

“in ogni caso, c’era un solo tunnel, buio e solitario: il mio, il tunnel in cui avevo trascorso l’infanzia, la giovinezza, tutta la mia vita.”
Il tunnel, Ernesto Sabato

Leggi Tutto »
Blog

Perdersi per ritrovarsi insieme

Si parla tanto di adolescenti, ma i genitori chi sono? Di cosa hanno bisogno?
Che effetto fa sentire il proprio figlio allontanarsi da sé?
Perché se da un lato l’adolescente cerca di situarsi in un mondo di significati che rispecchi in maniera più autentica i suoi bisogni, dall’altro è inevitabile che il genitore debba fare i conti con un suo riposizionamento non solo personale, ma anche di coppia.
Un riposizionamento, spesso vissuto con un senso di smarrimento e confusione.
E che, invece, potrebbe generare un’opportunità di cambiamento. Vediamo in che modo…

Leggi Tutto »
Blog

Il coraggio di emozionarsi

Confrontarsi con il prossimo significa, anche, entrare in contatto con sé stessi.
Ma, affinché questa esperienza sia motivo di crescita, è necessario accogliere ed accettare la persona che si incontra nella sua diversità.
Solo in quella diversità ci definiamo e ri-troviamo persone libere e responsabili.

Leggi Tutto »
Blog

Quel senso di solitudine

Il SENSO DI SOLITUDINE non è una condizione permanente, ma muta nel corso della vita.
In particolar modo, ciò che muta è la capacità di attribuire senso e significato alla propria esperienza in un rinnovato racconto di sé, in grado di cambiare negli aspetti concreti la vita di una persona.

Leggi Tutto »
Blog

Fuggire da sé

Dare senso alle opportunità che si incontrano e si scelgono quotidianamente. Muoversi con maggiore consapevolezza non ci protegge dall’incertezza e dalle paure della vita, ma contribuisce ad una presa in carico di se stessi e degli altri più autentica e generosa.

Leggi Tutto »
Blog

I giovani d’oggi: dalla reazione all’azione

Il giovane, si trova disorientato, poiché da una parte,  cerca di costruire, con grande sofferenza e difficoltà,  un’identità autonoma, responsabile e svincolata dal mondo della famiglia d’origine, dall’altra si trova a dover fare i conti con una società  che non è più in grado di offrirgli il contesto protettivo e strutturante che questo fase di crescita richiede.

Leggi Tutto »
Blog

CASA DI BAMBOLA: l’inautenticità di sé nella coppia

“Quando ero a casa col babbo, egli mi comunicava tutte le sue opinioni, sicchè avevo le medesime opinioni. Ma se qualche volta ero d’opinione diversa, glielo nascondevo, perché ciò non gli sarebbe andato a genio. Mi chiamava la sua bambola e giocava con me come io giocavo con le mie bambole. Poi entrai a casa tua…”  Casa di bambola, Henrik Ibsen

Leggi Tutto »
Torna su