L’uomo che (non) amava le donne

“le gambe delle donne sono come dei compassi che misurano il globo terrestre in tutte le direzioni, donandogli il suo equilibrio e la sua armonia.” 

“L’uomo che amava le donne” (Francois Truffaut)

 

Bertrand Morene. Ha un’attrazione irresistibile per le donne. Bionde, brune, giovani e meno giovani. Dovunque Bertrand si trovi, il suo sguardo si posa sempre su quel particolare: le loro gambe.

Visione che gli suscita, ogni volta,  nuove emozioni.

Per Bertrand quelle gambe  rappresentano l’incontro con il suo desiderio.

Un movimento emotivo ed esplorativo che si insinua nel mondo femminile, a lui sconosciuto e, per questo, significativo.

Bertrand lavora a Montpellier.  Ingegnere all’istituto di meccanica dei fluidi.  Si occupa di valutare l’effetto delle turbolenze atmosferiche sugli aerei o sulle navi.

Un lavoro di precisione e concentrazione. Non ama essere disturbato durante il suo lavoro, tranne quando viene chiamato da una donna. Non una donna qualsiasi.

Ma colei che, in quel momento, lui desidera e lo fa sentire meno solo.

A un certo punto Bertrand decide di scrivere un libro autobiografico. Perché teme di dimenticare i volti delle donne che ha desiderato. E le lettere raccolte negli anni.

Ricordi che sente scivolare nella sua memoria.

Ginette, Liliane, Delphine, Bernadette, Nicole.   Ed altre ancora.

Incontri di una notte. O di qualche mese. Ma, sempre, emozionanti.

E poi ci sono i  ricordi su sua madre.

Figlio unico di Christine Morane, Bertrand, mentre scrive il suo libro, ripensa  ad episodi vissuti  durante l’infanzia e la giovinezza. Un legame quello con la madre, caratterizzato da  un senso di esclusione da cui non si è più affrancato.

A Bertrand vengono in mente quelle immagini in cui la madre gli vietava di giocare con gli altri bambini, di muoversi. Era obbligato a star per ore seduto. L’unica attività concessa era la lettura, purchè sfogliasse le pagine senza far rumore, per non essere disturbata.

Altre immagini in cui  gli ordinava di spedire le lettere indirizzate ai suoi amanti,  che Bertrand, ogni volta, leggeva e gettava nel tombino di casa.

E poi c’è Vera. La cui relazione non viene citata sul libro. I due si rivedono alcuni anni dopo a Parigi.

L’incontro avviene casualmente in un hotel della città.

Bertrand si trova a Parigi perché ha un appuntamento presso una casa editrice, disposta a pubblicargli il suo primo libro, ultimato frettolosamente.

Vera desidera parlargli, anche se lui sembra andare di fretta e si mostra poco disponibile al dialogo.

La donna ricorda il tempo trascorso insieme. Soprattutto si giustifica per come si è comportata con lui, per come l’ha lasciato.

Aggiunge che non avrebbe mai voluto lasciarlo, è stata costretta,  altrimenti sarebbe impazzita.

La donna continua la conversazione. E gli spiega i motivi per cui non riusciva più a tollerare le sue continue e misteriose distanze. Il suo amore per la solitudine e l’autonomia.

Bertrand replica, ad un certo punto,  con una punta di rammarico: “in realtà, avevo bisogno solo di una persona, di lei e non me ne rendevo conto. In un primo tempo l’ho amata senza saperlo e dopo ne fui cosciente. Ma per lei era finita.”

Bertrand rientra a Montpellier, è inquieto sulla conclusione del suo libro. Vorrebbe rivedere il manoscritto, si rimprovera di non avervi citato l’unica donna che avesse mai amato. Ma ormai è tardi.

Genevieve, la donna che sta curando l’uscita del libro, lo rassicura mentre parlano a telefono. Afferma che è normale sentire  certe sensazioni prima della pubblicazione, accade ad ogni scrittore.

A questo proposito, Genevieve aggiunge:” Smetta di sminuirsi sistematicamente, deve imparare ad amarsi di più. Quando non si ama se stessi, si è incapaci di amare gli altri.”

Durante quella telefonata prendono accordi per rivedersi la settimana successiva.

Ma quell’incontro non avverrà mai.

Pochi giorni dopo, Bertrand mentre sta  attraversando la strada per inseguire una donna, viene investito da una macchina.  E muore pochi giorni dopo.

Al suo funerale, nel periodo di Natale, parteciperanno donne, ragazze, che lo hanno amato, odiato e inseguito. Fino all’ultimo saluto.

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Bertrand ha bisogno delle donne. Ha bisogno di conquistarle, di toccarle, di sentirle, per sentirsi  meno solo.

Ma, allo stesso tempo, ricerca nella relazione – breve o lunga che sia – quel senso di libertà e  solitudine.

Come tutti, anche lui desidera l’amore, che sia fisico o sentimentale.

Bertrand però non ricerca l’amore unico, che forse desidera. Ricerca quelle sensazioni ed emozioni generate dall’incontro di uno sguardo, dall’incontro fugace.

Incontro che si svela nel desiderio di conquista dell’altro. In cui ricerca l’assenso, ma non il consenso.

Incontro dove cerca, invano, di colmare quel senso di solitudine che desidera ma, allo stesso tempo, teme. Quel senso di non amabilità, che lo rende incapace ed inadeguato nel costruire relazioni intime.

Un’intimità che si crea non solo con l’altro, ma soprattutto con se stessi. Un’intimità che gli conferma, continuamente, quella distanza emotiva ed esistenziale, mai risolta. E da cui cerca di affrancarsi.

Anche quando insegue la felicità con Vera, Bertrand non può fare a meno di confrontarsi con quel suo senso di esclusione che gli impedisce di avvicinarsi all’altro con autenticità e pienezza di significati.

 

Dott.ssa Paola Uriati

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

Cadaveri in giardino

Ognuno di noi tende a rimanere chiuso in una sorta di corazza, di cui non si accorge per via della routine, con una prospettiva che ha difficoltà ad andare oltre la staccionata del proprio giardino. Sono pochi i momenti che riescono a penetrarla, a darci un’esperienza di noi diversa, in cui ci si chiede “oh, oh…cosa è accaduto?”
Ed è in questi momenti che emergono significati che pensavamo non ci appartenessero, e ci sorprendono e ci fanno riflettere.

Leggi Tutto »
Blog

Tra solitudine ed autoinganno: una fragile armonia

L’autoinganno ci consente una narrazione che riesce a darci una stabilità, mettendo in ombra gli aspetti problematici o dolorosi della nostra esistenza, e gettando luce solo su quello che ci fa piacere raccontarci, evitando le domande scomode che aprirebbero dolorose incrinature sul nostro senso di stabilità personale.

Leggi Tutto »
Blog

“ IL FIGLIO FANTASMA”

Il figlio ‘fantasma’ rappresenta un figlio ‘diverso’. Un figlio che, secondo i canoni della nostra società, quelle dell’opulenza e del benessere a tutti i costi, rischia sempre di vivere con difficoltà il suo senso di unicità e diversità

Leggi Tutto »
Blog

“Passione semplice”

La passione ci coglie spesso impreparati, sfugge ad ogni ricerca di significato, perché non si spiega, si vive e basta.
La passione non ha tempo e direzioni. Soprattutto la passione nasconde mentre si vive quei significati che l’hanno preceduta.

Leggi Tutto »
Blog

“A chi dirò la mia tristezza?”

Soprattutto in un periodo così pieno d’incertezze, privo di punti di riferimento, è un bene prendersi del tempo per se stessi e per gli altri.
Doniamoci, quindi, ogni giorno, uno spazio per fermarci, per fare spazio alle parole e ai sentimenti dell’altro, anche se a volte sarebbe più comodo evitarli.
Prendiamo il coraggio di cogliere quegli sguardi, e di non temere la paura e la solitudine.

Leggi Tutto »
Blog

STORIA DI UN INIZIO

Soffrire significa crescere, significa darsi delle opportunità.
Dipende anche e forse principalmente da noi cercare delle vie d’uscita da situazioni che sono ormai finite, che non accettiamo più. Per noi stessi e anche per chi ci stà vicino.

Leggi Tutto »
Blog

La bellezza allo specchio

Betty ed Odette, due donne, due percorsi personali diversi, ma che hanno un aspetto in comune: il timore d’invecchiare.
“Invecchiare è doloroso e atroce. Significa lasciare svanire, senza poter fare nulla, la soavità della pelle, la sua grana lattea, vederla macchiarsi, diventare flaccida e cadente; rinunciare agli sguardi che un tempo si posavano su di noi durante una passeggiata, sguardi bramosi, spesso affamati, che ci fanno sentire belle e appetitose, e la cui insistenza, la cui volgarità a volte, è una lusinga.”

Leggi Tutto »
Blog

VENTIQUATTR’ORE AL CASINO’

Mrs C. ed il giovane diplomatico, si erano incontrati in un casinò della Costa Azzurra. Non si trovavano in quel luogo casualmente. Entrambi speravano di alleviare, davanti ad un tavolo da gioco – l’uno giocando, l’altra passando del tempo- quei sentimenti di noia, di solitudine, e di vuoto che puntualmente, si presentavano nella loro quotidianità.
Vissuti che, una sera di maggio si incontrano, si osservano, si riconoscono, si rincorrono. Ma sfuggono via ad ogni tentativo di ricerca di intimità. Sfuggono da cosa?

Leggi Tutto »
Blog

Le scelte difficili

E’ inevitabile  fare delle scelte nella vita. Scelte non sempre facili da realizzare, spesso di incerta realizzazione, anche dolorose.
Riflettiamo, dunque, su cosa significa per noi affrontare le situazioni, indipendentemente dalla nostra età.
Si, perché le scelte non hanno un’età, ma sono legate ad un’identità personale, ad una storia di vita, e questa può mutare nel tempo.

Leggi Tutto »
Blog

Desiderio, pornografia e solitudine

Martino si illude fino alla fine di poter riempire la propria aridità affettiva, la propria insoddisfazione, il proprio defect esistenziale, con il porno, in un anelito adolescenziale di accettazione e integrazione.
Ma il ‘desiderio’ in Martino è assenza dell’altro, è mancanza di condivisione. E’ un buco nero dove lasciarsi inghiottire. Un naufragio narcisistico.

Leggi Tutto »
Blog

Segreti privati

Durante l’esistenza accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui manifestarsi.
Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento.

Leggi Tutto »
Blog

L’ altro come esperienza di Sé: Dusecka

Per Olga centrarsi sull’altro diventa l’unico modo per dare senso alla sua esperienza. E per cercare una definizione di sé.
Una direzione che la protegge anche dal giudizio del mondo. Perché lei è trasparente, è buona, è compassionevole. Una direzione che la posiziona rispetto alle aspettative e ai giudizi sociali dai quali ha sempre timore di essere sopraffatta.

Leggi Tutto »
Blog

Potere e solitudine nella coppia

Ogni relazione è una ricerca di significati da condividere e di con-senso.
La costruzione di significati comuni nasce sempre dal confronto di storie, di significati personali che, in un dato momento si incontrano.
Fino a quando la relazione mantiene la sua caratteristica di reciprocità, in cui il partner viene riconosciuto nella pienezza dei suoi significati personali e nella sua unicità, il potere nella relazione è meno orientato a limitare la libertà dell’altro e sull’altro, mentre coopera alla ricerca dei significati comuni.
Quando, invece, la relazione perde la sua caratteristica di riconoscimento reciproco, maggiore sarà il senso di solitudine. E, in questo caso, il potere sull’altro diventa l’unico modo per riempire quel senso di insicurezza personale e di isolamento.

Leggi Tutto »
Blog

Il tunnel

“in ogni caso, c’era un solo tunnel, buio e solitario: il mio, il tunnel in cui avevo trascorso l’infanzia, la giovinezza, tutta la mia vita.”
Il tunnel, Ernesto Sabato

Leggi Tutto »
Blog

Perdersi per ritrovarsi insieme

Si parla tanto di adolescenti, ma i genitori chi sono? Di cosa hanno bisogno?
Che effetto fa sentire il proprio figlio allontanarsi da sé?
Perché se da un lato l’adolescente cerca di situarsi in un mondo di significati che rispecchi in maniera più autentica i suoi bisogni, dall’altro è inevitabile che il genitore debba fare i conti con un suo riposizionamento non solo personale, ma anche di coppia.
Un riposizionamento, spesso vissuto con un senso di smarrimento e confusione.
E che, invece, potrebbe generare un’opportunità di cambiamento. Vediamo in che modo…

Leggi Tutto »
Torna su