Segreti privati

“L’esistenza privata di ognuno si regge sul segreto, e forse in parte per questo l’uomo civile si dà tanto nervosamente da fare perché sia rispettato il segreto della vita privata” La signora col cagnolino, (Anton Cechov)

 

 

Durante il suo abituale soggiorno balneare a Jalta, Dmitrij Dmitric Gurov, preso dalla curiosità, inizia ad osservare  una giovane donna, Anna Sergeevna.

La donna è arrivata in quella località balneare da qualche giorno.

Gurov è colpito non solo dalla sua  bellezza ma, anche, dal suo “accompagnatore”: uno spitz bianco. Un piccolo cagnolino che la segue ovunque, la donna quindi è sola, ne deduce Gurov.

Donnaiolo impenitente,  lui non intende lasciarsi sfuggire l’occasione di approfondire una nuova conoscenza femminile.

Si, perché Gurov, nonostante consideri le donne “una razza inferiore”, non può fare a meno di conquistarle, con le donne di diverte, si sente libero e leggero.

Quarantenne,  Gurov vive a Mosca. L’avevano fatto sposare presto, durante l’università.  Ed ora “sua moglie sembrava molto più vecchia di lui.”

Da molto tempo Gurov aveva iniziato a tradire la moglie. Una donna “pesante ed ottusa”.

Tre figli, la più piccola di dodici anni.

Laureato in lettere, lavorava come impiegato  in una  banca.

Anna Sergeevna, venti anni, viveva invece a San Pietroburgo.

Sposata da circa due anni, si è sempre sentita oppressa dalla sua breve vita matrimoniale. Voleva vivere, stava impazzendo in quella situazione di infelicità.

Al punto che un giorno arriva a fingere di essere malata e comunica al marito che vuole partire per Jalta. Sarebbe stata pochi giorni da sola, poi lui l’avrebbe raggiunta.

Nella sua innocenza, Anna, a differenza di Gurov  non ha mai tradito il marito, ha sempre considerato il tradimento un gesto riprovevole e vile.

Gurov la corteggia.  E tra i due inizia una relazione romantica, fatta di baci, abbracci rubati, lunghe passeggiate.

Ma Anna vive gli incontri amorosi  con angoscia, si sente mal giudicata da Gurov. Piange e si disprezza per ciò che sta facendo.

Gurov invece, che ha sempre amato la leggerezza  nell’adulterio, si sente quasi infastidito dalle lamentele della donna.

Fino a quando, all’improvviso, Anna riceve una lettera dal marito, ed è costretta a ripartire immediatamente.

Gurov l’accompagna al treno, e mentre il convoglio si allontana pensa fra sé e sé: “Ecco una delle tante storie che finiscono, non la vedrò mai più.”

Gurov rientra  pochi giorni  dopo a Mosca, e riprende la sua vita, la famiglia, il lavoro, il circolo, le chiacchierate sterili con gli amici.

Ma non può fare a meno di pensare a  quell’ infatuazione estiva, che ben presto cesserà di esistere.

E’ convinto che  Anna presto scomparirà dai suoi pensieri, ma, con il trascorrere dei giorni, per la prima volta nella sua vita, Gurov  si rende conto di non riuscire a smettere di pensare a lei.

Le  immagini di  Anna  si insinuano nella sua mente continuamente.

E’ ossessionato dal ricordo e dalla sensazione di lei.

E, per la prima volta, Gurov entra in crisi di fronte ad un sentimento così nuovo e coinvolgente.

Prova a confidarsi con un amico, dicendogli di aver conosciuto una “donna meravigliosa.”  Ma l’amico  non replica, anzi cambia addirittura  discorso.

Gurov diventa sempre più consapevole di quanto la sua vita sia dominata dall’ apparenza e dalla falsità.

“ Occupazioni inutili e conversazioni sempre sulle stesse cose si portano via la parte migliore del tempo, le forze migliori, e alla fine quel che resta è una vita monca, senz’ali, una cosuccia risibile, e non si può andar via, fuggire, come si fosse rinchiusi in manicomio o in cella di rigore.”

Oramai completamente in balia dei suoi sentimenti, Gurov,  decide  di partire per San Pietroburgo.

E si incontrerà con Anna ad una prima, in un teatro gremito di gente.

Da quel momento  Gurov ed Anna inizieranno una relazione clandestina.

Un rapporto che, agli occhi del mondo e dei propri cari,  è  fatto di bugie, segreti, sotterfugi.

Ma  che, ai loro occhi , è fatto  di verità ed  autenticità.

“E per qualche strana, forse casuale coincidenza di circostanze, tutto quello che per lui era importante, interessante, necessario, quello in cui era sincero e non ingannava se stesso, che costituiva il nocciolo della sua vita, accadeva di nascosto dagli altri, mentre tutto quello che era la sua menzogna, la facciata dietro cui si nascondeva per celare la verità, come per esempio il suo lavoro in banca, le discussioni al circolo, la sua -razza inferiore-, l’andare con la moglie agli anniversari- tutto questo era apparente.”

Durante uno dei loro incontri  sporadici e furtivi  in una stanza d’albergo a Mosca, i due si mostrano felici di rivedersi.  Ma soffrono. Non riescono ancora a vedere un futuro insieme. Tuttavia sono certi che qualcosa accadrà.

La parte più difficile stava per iniziare.

 

Perché i nostri  sentimenti più intimi e personali si nutrono della segretezza? 

Perché abbiamo bisogno di  preservarli dallo sguardo dell’altro per viverli?

Davvero l’apparire e l’essere sono due dimensioni dell’esperienza così impenetrabili l’uno con l’altro?

Che costi emotivi ha nascondere i propri bisogni, sentimenti, la propria interiorità, soprattutto con sé stessi, oltreché agli altri?

Durante l’esistenza  accadono esperienze in cui la dimensione di sé più segreta ed intima, necessita di uscire allo scoperto, cerca uno spazio in cui  manifestarsi.

Tale dimensione può riguardare un sentimento nei confronti del  proprio partner che sta cambiando,  un’esigenza lavorativa che si desidera cambiare. Eventi che nostro malgrado ci coinvolgono e turbano.  Ed altro ancora.

A volte si è consapevoli degli effetti di ciò che ci accade. Altre meno, o per niente.

Ma la nostra interiorità è sempre lì, che freme, che ha voglia di uscire allo scoperto.

Spesso, tuttavia, si è combattuti tra  mantenere il segreto (bello o brutto che sia), o renderlo manifesto.

Come se, nel momento in cui  quel segreto si manifestasse al mondo, perdessimo quell’immagine di noi che gli altri conoscono. Immagine che in parte ci ha protetto. Protetto dai giudizi, dalle delusioni.

E, a volte, anche da noi stessi, dai nostri desideri.

A volte è così: arriviamo a temere anche i nostri desideri.

Generalmente funziona così.

Ma se provassimo a far dialogare di più le nostre rispettive dimensioni private e pubbliche?

Se provassimo più spesso a farle partecipare l’ una all’altra, in maniera tale da portare ad espressione parti di noi altrimenti celate dal velo del privato?

Dare la possibilità alla nostra interiorità di esprimersi e manifestarsi, significa ri-trovarsi in un mondo di relazioni che sia più in sintonia con le nostre emozioni del momento. Significa cogliere i propri limiti, porsi degli obiettivi.

Significa avere un accesso a sé stessi più autentico ed articolato, attraverso cui costruire scenari esistenziali sempre più attenti ai propri bisogni.

 

 

Dott.ssa Paola Uriati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli recenti

Blog

Desiderio, pornografia e solitudine

Martino si illude fino alla fine di poter riempire la propria aridità affettiva, la propria insoddisfazione, il proprio defect esistenziale, con il porno, in un anelito adolescenziale di accettazione e integrazione.
Ma il ‘desiderio’ in Martino è assenza dell’altro, è mancanza di condivisione. E’ un buco nero dove lasciarsi inghiottire. Un naufragio narcisistico.

Leggi Tutto »
Blog

L’uomo che (non) amava le donne

“Bertrand ha inseguito la felicità impossibile nella quantità, nella moltitudine. Perché abbiamo bisogno di cercare in molte persone ciò che la nostra educazione pretende di farci trovare in una sola?”

Leggi Tutto »
Blog

L’ altro come esperienza di Sé: Dusecka

Per Olga centrarsi sull’altro diventa l’unico modo per dare senso alla sua esperienza. E per cercare una definizione di sé.
Una direzione che la protegge anche dal giudizio del mondo. Perché lei è trasparente, è buona, è compassionevole. Una direzione che la posiziona rispetto alle aspettative e ai giudizi sociali dai quali ha sempre timore di essere sopraffatta.

Leggi Tutto »
Blog

Potere e solitudine nella coppia

Ogni relazione è una ricerca di significati da condividere e di con-senso.
La costruzione di significati comuni nasce sempre dal confronto di storie, di significati personali che, in un dato momento si incontrano.
Fino a quando la relazione mantiene la sua caratteristica di reciprocità, in cui il partner viene riconosciuto nella pienezza dei suoi significati personali e nella sua unicità, il potere nella relazione è meno orientato a limitare la libertà dell’altro e sull’altro, mentre coopera alla ricerca dei significati comuni.
Quando, invece, la relazione perde la sua caratteristica di riconoscimento reciproco, maggiore sarà il senso di solitudine. E, in questo caso, il potere sull’altro diventa l’unico modo per riempire quel senso di insicurezza personale e di isolamento.

Leggi Tutto »
Blog

Il tunnel

“in ogni caso, c’era un solo tunnel, buio e solitario: il mio, il tunnel in cui avevo trascorso l’infanzia, la giovinezza, tutta la mia vita.”
Il tunnel, Ernesto Sabato

Leggi Tutto »
Blog

Perdersi per ritrovarsi insieme

Si parla tanto di adolescenti, ma i genitori chi sono? Di cosa hanno bisogno?
Che effetto fa sentire il proprio figlio allontanarsi da sé?
Perché se da un lato l’adolescente cerca di situarsi in un mondo di significati che rispecchi in maniera più autentica i suoi bisogni, dall’altro è inevitabile che il genitore debba fare i conti con un suo riposizionamento non solo personale, ma anche di coppia.
Un riposizionamento, spesso vissuto con un senso di smarrimento e confusione.
E che, invece, potrebbe generare un’opportunità di cambiamento. Vediamo in che modo…

Leggi Tutto »
Blog

Il coraggio di emozionarsi

Confrontarsi con il prossimo significa, anche, entrare in contatto con sé stessi.
Ma, affinché questa esperienza sia motivo di crescita, è necessario accogliere ed accettare la persona che si incontra nella sua diversità.
Solo in quella diversità ci definiamo e ri-troviamo persone libere e responsabili.

Leggi Tutto »
Blog

Quel senso di solitudine

Il SENSO DI SOLITUDINE non è una condizione permanente, ma muta nel corso della vita.
In particolar modo, ciò che muta è la capacità di attribuire senso e significato alla propria esperienza in un rinnovato racconto di sé, in grado di cambiare negli aspetti concreti la vita di una persona.

Leggi Tutto »
Blog

Fuggire da sé

Dare senso alle opportunità che si incontrano e si scelgono quotidianamente. Muoversi con maggiore consapevolezza non ci protegge dall’incertezza e dalle paure della vita, ma contribuisce ad una presa in carico di se stessi e degli altri più autentica e generosa.

Leggi Tutto »
Blog

I giovani d’oggi: dalla reazione all’azione

Il giovane, si trova disorientato, poiché da una parte,  cerca di costruire, con grande sofferenza e difficoltà,  un’identità autonoma, responsabile e svincolata dal mondo della famiglia d’origine, dall’altra si trova a dover fare i conti con una società  che non è più in grado di offrirgli il contesto protettivo e strutturante che questo fase di crescita richiede.

Leggi Tutto »
Blog

CASA DI BAMBOLA: l’inautenticità di sé nella coppia

“Quando ero a casa col babbo, egli mi comunicava tutte le sue opinioni, sicchè avevo le medesime opinioni. Ma se qualche volta ero d’opinione diversa, glielo nascondevo, perché ciò non gli sarebbe andato a genio. Mi chiamava la sua bambola e giocava con me come io giocavo con le mie bambole. Poi entrai a casa tua…”  Casa di bambola, Henrik Ibsen

Leggi Tutto »
Blog

Gli innamoramenti

“L’ abitudine può sostituire l’amore, non l’innamoramento…quel che è molto raro è provare una debolezza, una vera debolezza per qualcuno che comunque la produca in noi…che ci renda deboli…che ci impedisca di essere oggettivi e ci disarmi in eterno…”.
“Gli innamoramenti. Javier Marias.”

Leggi Tutto »
Torna su